Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Giochi e un nuovo bistrot: la Corte del Ciliegio riapre le porte alla città

Una ludoteca di 100 mq e un gioco inclusivo a 360 gradi. Dopo 3 mesi di cantiere, la Corte del Ciliegio riapre alla città, domenica 24 febbraio, con tante novità per i più piccoli e le loro famiglie.

Entrando nel parco, è impossibile non notare subito un grande aeroplano in legno, il nuovo gioco inclusivo realizzato dal Comune grazie ad un finanziamento di Regione Lombardia. Il gioco inclusivo Albatros «è stato pensato affinché possano giocare insieme bambini disabili e non. Questa è la vera inclusione» sottolinea l'assessore ai servizi sociali, Cristina Borroni. Il costo complessivo dell'opera, che comprende anche l'installazione di un'altalena per bambini piccolissimi e disabili e la sistemazione dei giochi esistenti, è di 30mila euro, cofinanziato dall'amministrazione per poche migliaia di euro. 

Se dallo spazio esterno si passa poi all'interno del locale gestito dalla Cooperativa La Banda, si entrerà ora in una struttura completamente rinnovata nello stile e nei giochi: un investimento quello della ludoteca su cui la cooperativa ha molto puntato e realizzata grazie al contributo di Fondazione Cariplo e alla collaborazione con La Città del Sole. Il negozio di giocattoli ha infatti allestito l'intera ludoteca con giochi e strutture in legno. La Banda non si è però fermata qui: per consentire di vivere il parco non solo ai bambini, ma anche anche alle loro famiglie, ha deciso di rinnovare anche l'offerta gastronomica. La collaborazione con Gnoko, brand di street food affermato nel nord Italia, ha permesso di aprire un nuovo bistrot che offre un menu di tradizione emiliana e completamente artigianale, dallo gnocco fritto con salumi importati da Parma all'erbazzone emiliano. 

Il progetto della Cooperativa La Banda è nata nel 2013: l'obiettivo, in accordo con il comune, era quello di riqualificare l'area verde. «Dopo una prima fase in cui abbiamo sperimentato l'inserimento lavorativo di più di 30 ragazzi in condizioni di fragilità - commenta il responsabile della Cooperativa, Cristiano Castellazzi -, abbiamo deciso ora di puntare un po' di più sulla qualità dell’offerta che lega tutte le aree della Corte. Quello che ci interessa è che le famiglie con i loro bambini continuino a vivere il quartiere divertendosi e creando tra loro relazioni. Il percorso non è stato facile nel tempo, ma crediamo che la scommessa sia stata vinta».

Piena soddisfazione è stata espressa anche dall'amministrazione che ricorda che «un progetto di questo calibro rientra in pieno nel nostro programma di lavoro con le famiglie, intese come persone che generano welfare. Il progetto era partito prima che arrivassimo noi, ma proprio per questo  abbiamo deciso di portarlo avanti». L'assessore Borroni ha inoltre precisato che sarebbe intenzione dell'amministrazione dare in gestione alla Cooperativa la manutenzione del verde della Corte del Ciliegio, così da permettere nuovi inserimenti lavorativi. 

Domenica 24 febbraio alle 10 è prevista l'inaugurazione ufficiale alla presenza delle autorità, mentre nel pomeriggio dalle 15.30 i bambini e le loro famiglie sono attese per l'apertura ufficiale e un aperitivo insieme alle 18.30. Già sold out da tempo la prima cena nel nuovo bistrot. 

(Manuela Zoni)