Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Studente di Gallarate vince competizione in Cina con un progetto sui droni

Da sinistra verso destra lo studente Matteo Ponziani e il vicepresidente della Regione Lombardia Fabrizio Sala (fonte: Università Giustino Fortunato)


Lo studente Matteo Ponziani di Gallarate (Varese), iscritto al corso di laurea in Scienze e Tecnologie del Trasporto Aereo dell’Università Giustino Fortunato, è stato ricevuto stamattina in Regione Lombardia dal vicepresidente Fabrizio Sala, che gli ha conferito un riconoscimento per aver vinto il secondo Model ICAO Forum, organizzato nel mese di dicembre in Cina dall'Agenzia specializzata dell'ONU per l'aviazione civile.

 L’ICAO Forum è una competizione internazionale fra studenti universitari di tutto il mondo che ha la finalità di sensibilizzare i giovani sulle tematiche relative all'aviazione civile e di ispirare una nuova generazione di professionisti dell'aviazione.

Matteo, unico italiano a partecipare fra i 180 studenti di tutto il mondo, grazie alle sue competenze esclusive, ha capitanato la squadra di universitari - provenienti dalla Francia, dalla Norvegia, da Singapore e da sette università cinesi - che ha sviluppato un progetto sulla valutazione del rischio per le operazioni che coinvolgono i droni, coordinata dal funzionario ICAO Philip Dawson. Sempre a Matteo, inoltre, è spettato il compito di illustrare il progetto alla commissione valutatrice dell’ICAO Forum in perfetto inglese.

Un risultato che ha ricevuto il plauso della Regione Lombardia: “Un premio meritato e prestigioso che contribuisce a valorizzare e a riconoscere la bontà di ciò che la Lombardia riesce a creare grazie alla qualità del proprio capitale umano. Un’ulteriore dimostrazione di come si riesca a sensibilizzare i giovani sulla specifica tematica dell’aviazione, grazie ad insegnanti di alto livello, capaci di coinvolgere studenti come Matteo, determinato, appassionato e con lo sguardo volto al futuro” – ha commentato il vicepresidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala.

 Anche il Magnifico Rettore dell'UniFortunato, Prof. Angelo Scala, si è complimentato – “Il nuovo riconoscimento sottolinea l'importanza del lavoro svolto dai docenti del corso di laurea in Scienze e tecnologie del trasporto aereo di un Ateneo giovane, come appunto l’UniFortunato, che guarda al futuro con percorsi formativi in grado di creare sbocchi professionali anche in settori aperti ai mercati internazionali. Ringrazio il vicepresidente Sala per questo prestigioso riconoscimento – ha aggiunto Scala – che ci arriva da una regione, come la Lombardia, particolarmente votata al trasporto aereo, a conferma ulteriore dell’eccellenza del nostro corso di laurea, che si pone come opportunità di crescita professionale per quanti operano o vogliano operare nel comparto”.

L'Università Giustino Fortunato è l'unico ateneo in Italia ad erogare il corso di laurea in Scienze e tecnologie del trasporto aereo in modalità telematica. La facoltà rappresenta una grande opportunità per i giovani desiderosi di lavorare in contesti dinamici e aperti all'internazionalizzazione, come il comparto del trasporto aereo. Della durata di tre anni, il corso è articolato in tre indirizzi specifici dei quali uno dedicato al personale navigante (siano essi piloti che assistenti di volo), un secondo dedicato ai tecnici del controllo del traffico aereo e un terzo concepito per quanti intendano intraprendere una carriera manageriale all’interno di una compagnia aerea o di una struttura aeroportuale. Per la sua particolarità e unicità, gli iscritti al corso di laurea della Giustino Fortunato trovano occupazione ancor prima di conseguire la laurea. Inoltre, il 98% degli studenti iscritti al corso di laurea si è detta soddisfatta del percorso di studi intrapreso.


Da sinistra verso destra lo studente Matteo Ponziani,  il vicepresidente della Regione Lombardia Fabrizio Sala e il professor Davide Dell’Acqua dell’Università Giustino Fortunato (fonte: Università Giustino Fortunato)