Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Pero, ultimati i camminamenti "SEMP" nell’area verde di via Figino

  • CRONACA / PERO
  • mercoledì 20 febbraio 2019
  • 3253 Letture

Terminata a Pero la realizzazione del percorso ciclopedonale di 380 metri che collega il camminamento lungo il canale diramatore consortile del Consorzio Villoresi all'istituto che comprende la scuola primaria Marconi e la scuola secondaria inferiore Dante Alighieri. Sono state infatti ultimate le opere di mitigazione realizzate a scomputo degli oneri connessi allo strumento urbanistico "SUAP SEMP" relativo all’insediamento produttivo di via Archimede 7 della società SEMP Srl.

Nell'ambito dei lavori, sono stati posati tubi corrugati in previsione di un futuro impianto di illuminazione e pozzetti d’ispezione e di raccordo. Nell’area è presente una piastra in autobloccanti usata per attività sportive o per feste.

Durante il progetto sono stati abbattuti solamente due alberi: operazione che si è resa necessaria per due piante che presentavano anomalie strutturali e presenza di funghi. Ai margini del percorso ciclopedonale cresceranno alberi e arbusti autoctoni, quali amelanchier, frangola e berretta da prete. Questi arbusti, posizionati in prossimità delle diramazioni, evitano punti di attraversamento non previsti nelle aree a prato.

Il progetto prevede l’impiego di una pavimentazione in calcestruzzo drenante colorato posata su adeguato sottofondo con cordoli: «materiale considerato ottimo per le sue caratteristiche di drenabilità e particolarmente indicato per la realizzazione di interventi in zone a tutela ambientale - spiegano dall'amministrazione -, per le quali è richiesta la restituzione delle acque piovane al terreno. Il materiale individuato non rilascia sostanze inquinanti all’acqua che lo bagna e, con la struttura a filtro che lo caratterizza, limita la necessità di interventi di trattamento delle acque meteoriche, riducendo gli effetti nocivi di eventuali sostanze contaminanti. Inoltre il materiale garantisce una bassa richiesta di manutenzione nel tempo».