Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Canegrate, San Giorgio e San Vittore festeggiano San Sebastiano

Quasi 650 pattugliamenti associati, poco meno di 150 sopralluoghi e 50 persone identificate: sono questi alcuni dei numeri che "raccontano" l'attività congiunta delle Polizie Locali di Canegrate, San Giorgio su Legnano e San Vittore Olona nel 2018.

A questi dati si aggiungono 20 comunicazioni di bici rubate, 40 denunce di polizia giudiziaria, 83 incidenti rilevati, 326 attività di polizia giudiziaria e 184 rapporti di servizio. E ancora 11 patenti ritirate, una carta di circolazione ritirata, 5 controlli edilizi, 9 controlli con l'etilometro e 8 veicoli sequestrati. É quanto emerge dal bilancio stillato congiuntamente dai sindaci dei tre comuni e dai comandanti delle tre Polizie Locali nei giorni scorsi, nell'ambito delle celebrazioni per il santo patrono San Sebastiano.

I tre comuni sono legati da una convenzione per lo svolgimento in forma associata dei servizi di Polizia Locale dal 2001, portata nel 2017 a durata quinquennale e non più triennale. «Grazie a questa associazione riusciamo a portare avanti delle attività che non potrebbero essere svolte dai singoli comuni, come il pattugliamento giornaliero, o anche due volte al giorno - sottolinea il sindaco di San Giorgio su Legnano Walter Cecchin -. Insieme, inoltre, riusciamo a garantire i servizi anche quando un comando, per svariate ragioni, ha a disposizione meno personale del necessario. E i numeri delle attività congiunte dicono che insieme si riesce a gestire meglio il territorio. La nostra è una piccola aggregazione, ma l'idea sarebbe estenderla ulteriormente».

«I servizi Smart - continua il primo cittadino sangiorgese - servono a ben poco fatti una volta l'anno: bisognerebbe riuscire a fare in modo che Regione Lombardia finanzi questo tipo di attività, che peraltro sono onerose dal punto di vista economico, per effettuarle almeno una volta al mese, in modo che siano più incisive. La Regione, inoltre, dovrebbe prevedere delle misure premiali in sede di bando per le aggregazioni tra comuni: finora, invece, la convenzione non ci ha portato finanziamenti extra, che avrebbero potuto portare maggiori attrezzature sul territorio».

(Leda Mocchetti)