Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Pero cerca idee per riqualificare l'ex scuola elementare

Idee per dare nuova vita all'ex scuola elementare di piazza Marconi. E' questo quello che cerca il Comune di Pero. L'amministrazione ha pubblicato un avviso - aperto fino al 26 marzo - in cui chiede proposte e manifestazioni di interesse per il recupero del complesso. Un progetto che, come spiegano dal Comune guidato dal sindaco Maria Rosa Belotti, si inserisce nel processo di riqualificazione partito nel 2005 con il decentramento della Fiera di Milano a Rho, proseguito con il quartiere Expo2015 e in essere con la nascita di Mind, che ospiterà l'istituto di ricerca IIT Human Technopole, l'ospedale Galeazzi, la nuova sede delle facoltà scientifiche dell'Università Statale e oltre 400mila mq di insediamenti privati.

Per dare informazioni approfondite sull'edificio e sulle sue aspettative, e anche per favorire l'incontro tra i possibili investitori e soggetti interessati a gestire gli spazi aperti al pubblico e i servizi innovativi, il Comune di Pero organizza nel pomeriggio di giovedì 28 Febbraio un workshop aperto a tutti gli interessati - previa iscrizione mediante posta certificata - coordinato da Fondazione Housing Sociale con la consulenza del Consorzio Distretto 33, della sua area Urbanistica e dello studio legale UB. Al workshop parteciperanno anche i tecnici del Gruppo Ri.Me. di Città Metropolitana., impegnati nel progetto "Welfare metropolitano e rigenerazione urbana".

Vicinissimo alla fermata della metropolitana rossa, l'edificio delle ex scuole elementari è stato dismesso nel 2012 quando tutte le attività scolastiche si sono concentrate in un'unica sede. «La dimensione notevole, 2.400 mq di superficie di lorda di pavimento e la posizione, adiacente alla sede del municipio e in continuità con spazi a verde pubblico, piazza e asse commerciale del Sempione - commentano dal Comune -, lo rendono adatto sia per ospitare servizi di interesse pubblico e locali di ristorazione e spettacolo, sia spazi residenziali o lavorativi».

(Chiara Lazzati)