Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ritirati a Pero 740 contrassegni per disabili non più validi

La Polizia Locale di Pero ha ritirato 740 contrassegni non validi per i posteggi dedicati ai disabili. È stata un'attività intensa, quella svolta dagli agenti, che hanno revocato, quindi annullato e ritirato, ben 740 contrassegni su un totale di 1.053 rilasciati. L'operazione, che ha smascherato i cittadini che usavano impropriamente i permessi, è stata effettuata sotto la guida del comandante Wlliam Rossini. Ad oggi, a Pero, risultano 315 contrassegni in corso di validità.

«È stato un lavoro molto importante – sottolinea l’assessore ai Servizi di Polizia locale Luigi Negrini – che ha tenuto impegnati i nostri agenti per ben 164 ore. Tengo qui quindi a ringraziare tutto il Comando per l’attività svolta che va nell’interesse della comunità di Pero». 

Il lavoro degli agenti è stato basato sulla verifica di requisiti demografici di ogni singolo titolare di contrassegno con controllo incrociato di decessi e trasferimenti in altri comuni mediante raffronto con la banca dati dell'anagrafe comunale.

Da questa attenta analisi è emerso che numerosi permessi erano scaduti e, di conseguenza, non più validi. Molti di coloro che non hanno restituito il contrassegno non avendone più diritto erano in buona fede, trattandosi di una semplice dimenticanza: molti dei permessi concessi e mai restituiti erano scaduti, addirittura, negli anni '90

Il lavoro della Polizia locale ha portato anche a rilevare il numero di posti auto al servizio delle persone invalide (105, di cui 16 personalizzati) verificando e controllando l'uso improprio del contrassegno e dei veicoli in sosta irregolare. Attività che ha portato ad emettere 25 sanzioni con un totale di 48 punti decurtati. 

«Vogliamo costruire una Pero, più accessibile e che tutela i diritti dei più fragili – conclude il sindaco Maria Rosa Belotti – e questo nostro impegno passa anche da iniziative come queste che non hanno finalità vessatorie, ma che procedono unicamente nel segno della giustizia e dell’equità». 

Dal Comando di Pero ricordano che la persona interessata al rilascio del contrassegno deve presentare apposita domanda al sindaco corredata da certificazione medica rilasciata dall'ufficio medico legale dell'ATS di appartenenza dalla quale risulta che la capacità di deambulazione del richiedente è impedita o sensibilmente ridotta.

Tale autorizzazione ha validità per 5 anni e può essere rinnovata presentando ulteriore domanda che attesti il persistere di tali condizioni. Per le persone invalide a tempo determinato (ad esempio a seguito di infortunio) valgono le stesse modalità di presentazione della domanda, a seguito della quale può essere rilasciato un contrassegno per un certo periodo di tempo, anch'esso rinnovabile. Vi sono poi dei casi di invalidità che possono indurre il comune a concedere all'interessato, a titolo gratuito, uno spazio di sosta individuato da apposita segnaletica.