Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Fratelli d'Italia in marcia a Milano, presente anche Dibisceglie

Fratelli d'Italia in marcia, con una fiaccolata, a Milano per ricordare Jan Palach, un ragazzo ungherese di appena 20 anni che nel 1969, sull'onda delle polemiche contro L'URSS che aveva soffocato la Primavera di Praga, si diede fuoco in piazza San Venceslao, morendo due giorni dopo a causa delle ustioni. E tra gli esponenti politici presenti, anche l'assessore allo sport di Cerro Maggiore Daniel Dibisceglie

Dibisceglie sostiene l’importanza di celebrare «l'atto di coraggio di un giovane europeo che, per difendere la libertà della propria Nazione dall’invasione comunista, è arrivato a sacrificare la propria vita. È importante - ha continuato Dibisceglie - che tutta l’Italia riconosca e prenda le distanze da quello che fu il periodo più atroce del secondo dopoguerra: essere di Destra significa rivendicare il valore della libertà degli Stati sovrani, che però qualcuno oggi vorrebbe nuovamente assoggettati ad entità sovranazionali che di democratico non hanno nulla».

Presenti alla manifestazione anche esponenti nazionali del partito come Ignazio La Russa, Daniela Santancé, Carlo Fidanza, Paola Frassinetti e l'assessore regionale Riccardo De Corato. 

(Chiara Lazzati)