Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Vigili del Fuoco di Legnano, nel 2018 oltre 1.300 interventi

Più di 1.300 interventi - 1.303 per l'esattezza - in un solo anno: il 2018 è stato un anno di "straordinari" per i Vigili del Fuoco di Legnano, che con l'inizio del nuovo anno hanno tracciato il loro bilacio. Dati in crescita per le Fiamme Rosse, a conferma di una mole di lavoro "importante" su più fronti. 

Nello specifico, sono 1.149 gli interventi effettuati con l'autopompa e circa un terzo, ovvero 394 quello con l'autoscala. Il mese più intenso è stato quello di agosto con 149 interventi a seguire luglio (145), aprile (1269 e giugno (124). Le Fiamme Rosse sono entrate in azione 819 volte in orario diurno e 486 volte di notte, con una leggera diminuzione delle "trasferte": gli uomini del distaccamento di via Leopardi sono intervenuti in 428 casi a Legnano e 907 volte nei comuni limitrofi, tra cui 133 interventi a Parabiago, 102 a Rescaldina e 79 a Castellanza.

Tra gli interventi effettuati negli scorsi 12 mesi, da ricordare il suicidio in via Matteotti a San Vittore Olona, con i Vigili del Fuoco che hanno scongiurato una strage ricevendo anche un encomio da parte dell'amministrazione Vercesi, e la terribile esplosione della palazzina di via Brianza a Rescaldina

Sono, invece, 396 le chiamate "fuori zona", tra cui il sinistro sull'A4 tra due autocisterne che trasportavano benzina e ossigeno liquido refrigerato e un furgone, poco prima del casello di Novara Est. 

Importante la voce che riguarda gli incendi, pari al 25,86% del totale degli interventi. Su 337 casi, in 45 le fiamme sono divampati in abitazione e in 44 hanno coinvolto auto e moto; a questi vanno ad aggiungersi 33 interventi per spegnere le fiamme nelle canne fumarie e 30 per sterpaglie.

Le Fiamme Rosse sono state spesso chiamate in causa anche per il maltempo, con 49 interventi per alberi pericolanti, come ad esempio durante la tromba d'aria che ha investito l'Alto Milanese, e un massiccio dispiegamento di foze per soccorrere i cittadini colpita dalla bomba d'acqua.

Ben 77 i casi di allagamenti e dispersioni idriche, come quella rilevata la scorsa estate in piazza Carroccio. Dato analogo per quanto riguarda le fughe di gas, con 78 interventi.

Sono, invece, 209 soccorsi a persona e 119 gli interventi per apertura porte. Le chiamate di supporto in caso di incidenti, infine, sono state 78: in questi i casi la squadra effettua la messa in sicurezza dei mezzi rimasti coivolti e/o l'estrazione di un ferito dalle lamiere. A tal proprosito ricordiamo lo scontro in via Ciro Menotti, nel quale un'auto ha finito la sua corsa contro la recinzione di un palazzo. 

Il 2018 ha segnato fortemente il distaccamento di Legnano che ha salutato il suo capo Cosimo Raimondi deceduto lo scorso febbraio. Proprio in occasione della festa per la Patrona Santa Barbara è stato consegnato alla vedova Giuliana il "Riconoscimento al Servizio" in memoria di Raimondi. 

L'anno è stato concluso con la prima edizione di Pompieropoli che ha visto la partecipazione di migliaia di bambini. E il 2019 è stato "inaugurato" con il ritorno della Befana alla Pediatria dell'Ospedale di Legnano. 

(Gea Somazzi)