Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Incendio a Varese: per tutta la notte, rimarrà un presidio dei vigili del fuoco

AGGIORNAMENTO DELLE 20: Gli oltre cento operatori tra vigili del fuoco e volontari A.I.B. hanno proseguito sino all’imbrunire le operazioni di spegnimento. I quattro mezzi aerei antincendio impegnati nella giornata di oggi, hanno effettuato più di cento lanci. Allo stato attuale la situazione è sotto controllo e non si segnalano particolari criticità. Gli specialisti del nucleo S.A.P.R. (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto) del corpo nazionale dei vigili del fuoco, hanno effettuato un monitoraggio dell’area interessa dall’incendio con due droni, uno dotato di termocamera.  Le fiamme hanno distrutto circa duecento ettari di area boschiva. Per tutta la notte, rimarrà un presidio di vigili del fuoco all’abitato dell’Alpe Cuseglio e un presidio di volontari al campo base allestito in località San Gemolo.


AGGIORNAMENTO DELLE 11 DI SABATO 5 GENNAIO - Sono ancora in corso le operazion spegnimento dell'incendio divampato, giovedì 3 gennaio, nell'area boschiva a Rasa - Monte Martica nel Varesotto.

A seguito dei ripetuti lancia effettuati dai mezzi aerei, l’abitato di Alpe Cuseglio minacciato dalle fiamme è fuori pericolo.

Allo stato attuale non ci sono più fronti attivi e proseguono le operazioni di bonifica e messa in sicurezza. Sul posto tre automezzi con dieci operatori, collaborano alle operazioni anche i volontari A.I.B. Dalle prime luci dell’alba sta operando un canadair della flotta aerea nazionale e un erickson, mentre due elicotteri del servizio antincendio regionale sono attualmente a terra causa la scarsa visibilità, dovuta al folto fumo che avvolge la zona.

Gli specialisti del nucleo S.A.P.R. (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto) dei Vigili del Fuoco stanno collaborato col D.O.S. (Direttore Operazioni di Spegnimento) al fine di individuare i focolai. Il personale T.A.S. (Topografia Applicata al Soccorso) stanno mappando dettagliatamente le zone interessate dall’incendio. I vigili del fuoco stanno operando con diverse unità sia sull’Alpe Cuseglio che sul Monte Martica. Questa mattina era presente al campo base il Governatore della Regione Lombardia, il Dott. Attilio Fontana.


AGGIORNAMENTO DELLE 20 - Proseguono le operazioni di spegnimento dell’incendio boschivo in atto sul monte Chiusarella, comprensivo tra i comuni di Varese – Ganna e Induno Olona. 

Per tutta la giornata odierna trenta vigili del fuoco hanno operato con dieci automezzi.

Congiuntamente erano presenti i vari enti e gruppi di volontari: -  PARCO CAMPO DEI FIORI - COMUNITA’ MONTANA VALLI VERBANO -COMUNITA’ MONTANA PIANBELLO - PROVINCIA DI VARESE - PARCO DEL TICINO - CROCE ROSSA ITALIANA per un totale di 130 unità con 40 automezzi.

Sull’evento hanno operato anche gli specialisti del nucleo S.A.R.P. (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto) del corpo nazionale dei vigili del fuoco, il loro impiego è stato di vitale importanza al fine di fornire immagini e rilievi GPS sull’avanzare delle fiamme. I droni dotati anche di termocamere opereranno tutta la notte, monitorando costantemente l’avanzare dell’incendio. Allo stato attuale l’area interessata dal rogo risultata essere di circa  140 ettari . 

Per tutta la giornata e fino alle effemeridi hanno operato due canadair della flotta aerea nazionale e provenienti rispettivamente da Genova e Pisa, due elicotteri del servizio antincendio regionale,  un elicottero  Erickson (Sikorsky S-64) e  un elicottero A109 del reparto volo VVF Lombardia  “DRAGO 82” con fini di monitoraggio. La sommatoria dei lanci effettuati dai Canadair sono risultati essere di n° 89, degli elicotteri della Regione di n° 50 e dell’ ERICKSON n° 9

Alle ore 18.00 , tramite ulteriore passaggio dei droni, venivano evidenziati due successivi fronti, aventi lunghezza uno di 2 km e l’altro di 3 km.

Alle ore 20:00 la situazione si presentava con un incendio avente un fronte di 5 km e posizionato su due versanti, uno che scende verso la Valganna mentre l’altro verso l’Alpe Cuseglio.

Allo stato attuale rimane presidiata con due automezzi e cinque vigili del fuoco la località abitativa Alpe Cuseglio dove vi sono diverse abitazioni.

Al capo base allestito in località San Gemolo (Ganna) nel pomeriggio ha effettuato un sopralluogo il Sottosegretario di Stato per l’Interno, con delega ai vigili del fuoco, il Senatore Stefano Candiani, il quale ha voluto sincerarsi di persona della situazione e ringraziare i soccorritori che si stanno prodigando allo spegnimento.

AGGIORNAMENTO 14.15 - I vigili del fuoco sono impegnati con trenta operatori e dieci automezzi oltre due Canadair della flotta aerea nazionale. Congiuntamente stanno operando cento volontari A.I.B. e due elicotteri del servizio antincendio regionale. 

Sul posto il governatore della Lombardia, Fontana. Per un servizio dettagliato del sopralluogo, cliccare qui

Una galleria fotografia a fondo pagina e qui


AGGIORNAMENTO DELLE 12.15 - In mattinata, impegnativo lavoro per il canadair, come ricorda Alberto Barcaro (Lega), Consigliere delegato alla Protezione Civile della Provincia di Varese: “Il canadair ha effettuato 17 lanci,  questo velivolo opererà ancora per due ore circa, dopodiché  verrà effettuato un cambio equipaggio a Genova e riprenderanno le operazioni di spegnimento. Un nuovo rifornimento a Cameri verso le 14.30 e in seguito altre due ore circa di operazioni se necessario”. 


AGGIORNAMENTO DELLE 9,30 - Sono proseguite tutta la notte le operazioni di spegnimento e presidio delle zone interessate dall’incendio. Hanno operato anche gli specialisti vigili del fuoco del nucleo S.A.P.R (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto), gli operatori hanno effettuato una mappatura dettagliata dei fronti. In questi minuti è in corso un briefing con tutti gli enti interessati alle operazioni. Resta un presidio con uomini e automezzi a protezione della località Alpe Cuseglio dove le fiamme potrebbero minacciare un gruppo di abitazioni.

Sono all’opera oltre 150 persone per spegnere l’incendio. Quasi cento volontari della Protezione Civile e oltre 50 Vigili del Fuoco. Come Provincia abbiamo sul campo 11 volontari. Al momento sono attivi un canadair e due elicotteri attivati tramite il protocollo regionale, ‘Servizio  di  lavoro  aereo  in  ambito  di  protezione civile  per  la  prevenzione  ed  estinzione  degli  incendi  boschivi  nel  territorio  regionale  della Lombardia’  -  con base a Cassano  Magnago  (VA) e a Erba  (CO)".

Così Alberto Barcaro (Lega), Consigliere provinciale delegato alla Protezione Civile, che sta seguendo da vicino le operazioni di spegnimento dell’incendio della Martica.

“Stiamo seguendo da vicino le operazioni – continua Barcaro – Mi preme ringraziare tutti i volontari e i vigili del fuoco per l'impegno profuso a tutela del nostro territorio”.  

Per il video registrato la notte scorsa, clicca qui

AGGIORNAMENTO DELLE 00,40 DI VENERDI' 4 - Perseguono le operazioni di spegnimento per il vasto incendio che ha colpito i boschi sul monte Martica. L’incendio partito dalla località Rasa di Varese ha superato la cima della montagna e ha iniziato a scendere. I fronti attivi delle fiamme sono due, uno si dirige verso l’Alpe Cuseglio, dove, a protezione di un gruppo di abitazioni ,si sono posizionati i vigili del fuoco con due automezzi. L’altro fronte sta scendendo verso l'ex miniera della Valganna. In totale sono quattro le squadre con una ventina di operatori. Sul posto si stanno recando gli specialisti vigili del fuoco del nucleo S.A.P.R. (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto). I droni dotati di termocamere e geolocalizzazione eseguiranno una mappatura dettagliata e permetteranno di mappare i fronti, al fine di agevolare il coordinamento delle operazioni di spegnimento


Oggi, giovedì 3 gennaio, dalle 17, i vigili del fuoco sono impegnati a Varese in località


per un vasto incendio nel bosco.

Una vasta area di circa 20 ettari è interessata dalle fiamme.

Sul posto stanno operando trenta vigili del fuoco con dieci automezzi.

Le operazioni sono rese difficili causa l’oscurità e il vento che soffia sulla zona.

Allo spegnimento stanno collaborato le squadre di volontari AIB.