Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cerro Maggiore, allontanati due abusivi da via Dante

Due abusivi allontanati da via Dante. E' questo il risultato dell'operazione di ieri, venerdì 28, portata avanti dal Comune di Cerro Maggiore. L'edificio, di proprietà privata, è da sempre osservato speciale per quanto riguarda la sicurezza a causa della situazione di degrado che lo accompagna.

Tutto è partito da una segnalazione agli uffici comunali: alcuni inquilini dello stabile di via Dante 68, al confine con San Vittore Olona, hanno riportato la problematica di una perdita d'acqua. L'amministrazione ha quindi agito: sul posto sono arrivati tecnici comunali, una pattuglia di Polizia Locale, il comandante Stefano Miali e l'assessore alla sicurezza Fabrizio Sberna.

La situazione trovata dal Comune non è stata, decisamente, tra le migliori: muffe sui muri, infiltrazioni, allacciamenti di fortuna e rifiuti. Trovati i cancelli per il terzo piano aperti, il Comune ha proceduto con una verifica. E infatti sul piano erano presenti due persone di origine extracomunitaria non residenti che occupavano abusivamente e senza titolo i luoghi. I due sono stati portati in Comando, identificati e fotosegnalati, prima di essere accompagnati in Questura, come da protocollo.

«La situazione di via Dante è assolutamente monitorata in prima persona dal sindaco e in via subordinata da tutta la nostra amministrazione - commenta l'assessore Sberna -. Non abbiamo alcun timore ad agire, anzi, come dimostrano anche i fatti odierni vogliamo riportare la legalità in questa come in altre situazioni border-line. Questa è la risposta migliore che potevamo dare nell'immediato a chi continua a chiederci prove concrete del nostro agire. Infine sottolineiamo che non ci fermeremo a queste azioni, seppur significative ed importanti. Stiamo lavorando ad una soluzione concreta e  definitiva, lasciando le sterili polemiche a chi, quando poteva, è rimasto ciecamente immobile e non ha mai agito. Ribadisco, utilizzeremo ogni mezzo, anche se dovessimo agire per sfinimento, contro occupazioni abusive o atti similari. Che sia chiaro la situazione odierna, le immagini del degrado dei muri marcescenti e tutto quanto abbiamo visto oggi sarà integrato negli atti che serviranno a risolvere la problematica via Dante».


Foto di copertina: immagine di repertorio di un'operazione in via Dante.