Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Votato in Regione l'Odg di Borghetti sulla riattivazione del collegamento ferroviario Lainate-Garbagnate

Piena soddisfazione del Vice Presidente del Consiglio Regionale della Lombardia Carlo Borghetti per l’approvazione in sede di Bilancio regionale di un suo ordine del giorno a favore della attivazione di un peduncolo ferroviario, come già presente un tempo nell’area ex Alfa Romeo, a creare una linea ferroviaria Garbagnate–Lainate, con la creazione di una nuova stazione ferroviaria a Lainate per la linea S17 del Passante ferroviario regionale. L’atto di indirizzo, con cui si è impegnata la Giunta alla realizzazione del progetto, è anche legato strettamente a una proposta approvata recentemente in Consiglio comunale a Lainate.
Con questo intervento si dovrebbe attivare un servizio di tipo suburbano dedicato alla città di Lainate, che oggi è uno dei maggiori centri del nord milanese non direttamente servito dalla ferrovia suburbana.
“Ieri il Consiglio regionale ha stabilito - ha commentato Borghetti- che, nell’ambito del Bilancio di previsione 2019-2021, saranno previsti adeguati stanziamenti al fine di procedere con la riattivazione del collegamento ferroviario Lainate-Garbagnate con prolungamento della linea verso l’abitato di Lainate, secondo le modalità tecnico attuative che saranno definite in accordo con il territorio”. Continua il Vice Presidente Borghetti: “Seguirò passo passo la vicenda affinché la Giunta Regionale onori l’impegno preso ieri, attivando le relative procedure anche nell’integrazione dell’Accordo di Programma Alfa Romeo in atto. Il completamento della rifunzionalizzazione di quell’area non può assolutamente prescindere da un vero e concreto potenziamento del trasporto pubblico. Credo che per tutto il territorio sia una novità importante, che aiuterà innanzitutto studenti e pendolari nei loro spostamenti quotidiani, ma potrà consentire di valorizzare questa zona della città metropolitana anche dal punto di vista economico e turistico”.