Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Inaugurata nell'ex casa del parroco la comunità per disabili

Una nuova opportunità per aiutare famiglie in situazioni di disagio temporaneo. Nella casa dove un tempo abitava il parroco don Luigi Brazzelli, deceduto alcuni mesi fa, Solidarietà Famigliare è pronta ad accogliere nuovi bisogni. La Casa di Alessandro è stata inaugurata oggi, 8 dicembre, alla presenza del parroco della Comunità Pastorale, don Gianni Giudici, del sindaco Mirella Cerini, del segretario generale della Fondazione Comunitaria del Varesotto, Carlo Massironi, e del presidente della III Commissione Sanità e Politiche Sociali di Regione Lombardia, Emanuele Monti. 

La nuova struttura consente di  ampliare l’offerta del CSS (5 nuovi posti) a fronte di richieste sempre più pressanti da parte delle famiglie e mettendo anche a disposizione 3 “letti di sollievo”, per dare risposta a situazioni di disagio temporaneo delle famiglie con disabili. 

La realizzazione della nuova struttura  è stata possibile grazie agli accordi raggiunti con la Comunità Pastorale di Castellanza che ha messo a disposizione, a condizioni di favore, l’abitazione dietro la chiesa di San Bernardo. Le opere di manutenzione straordinaria necessarie per garantire gli standard previsti dalle norme in materia di residenze per disabili si sono concluse e già gli ospiti sono stati accolti nella nuova Comunità Alloggio.

Per Solidarietà Famigliare si tratta della terza struttura aperta sul territorio, che va ad aggiungersi al Centro Diurno Disabili di via per Legnano 1 e alla Comunità Socio Sanitaria che ospita 10 disabili, di via Brambilla 1.