Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

San Vittore, prosegue la messa in sicurezza degli argini dell'Olona

Sono terminati i lavori per la messa in sicurezza dell’argine del fiume Olona nel parcheggio di via Barlocco, dove è stato realizzato quello che tecnicamente si definisce un "rilevato", ovvero un argine in terra.

Manca soltanto la semina dell’erba per il consolidamento che avverrà nei prossimi giorni. I lavori si erano resi necessari a seguito del cedimento del preesistente argine in cemento. L’opera è stata finanziata dal bilancio comunale e affidata per la realizzazione al Consorzio Fiume Olona. Si è trattato di un intervento urgente volto ad evitare possibili esondazioni del fiume. Toccherà poi ad AIPO, l'Agenzia Interregionale per il Fiume Po, provvedere al ripristino dell’argine in cemento.

«Si tratta – fanno sapere dall’ufficio tecnico comunale – di un’opera di loro esclusiva competenza che non può essere realizzata dal comune. L’intervento è in programma come da noi richiesto ma non ci è stata ancora comunicata la data d’inizio dei lavori».

È stato invece interamente finanziato dalla Regione Lombardia l’intervento di innalzamento e consolidamento di un tratto d’argine presso via dei Mulini. Per procedere coi lavori si è resa necessaria anche l’acquisizione da parte del demanio dello Stato dei terreni circostanti. La manutenzione sarà poi a carico di AIPO. L’incarico di esecuzione è già stato assegnato, in questi giorni verranno firmati i contratti ed entro la fine di febbraio gli appaltatori dovranno aver terminato l’opera.

«Voglio sottolineare – commenta il sindaco Marilena Vercesi – che è stato un risultato della nostra
amministrazione quello di ottenere il finanziamento regionale dell’intervento. Palazzo Lombardia non era infatti in nessun modo tenuto a finanziare o cofinanziare quest’opera. Abbiamo dovuto impegnarci in un lungo lavoro di mediazione per ottenere dei fondi che hanno permesso di salvaguardare la sicurezza dei cittadini senza gravare sul bilancio cittadino
».