Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Prociv e CRI promossi al corso in "guida fuoristrada"

Si è concluso con la prova pratica in pista la riedizione 2018 del corso “Conduttore mezzi speciali-guida fuoristrada” che l’Associazione di Protezione Civile Alberto da Giussano ha organizzato in collaborazione con il Centro di Coordinamento del Volontariato di Protezione Civile della Città Metropolitana di Milano.

Al corso, riconosciuto dalla Scuola Superiore di Protezione Civile, hanno aderito 15 volontari dell’associazione e 4 della Croce Rossa di Legnano, presenti con i propri mezzi fuoristrada.
Iniziato a novembre con nozioni teoriche di base per la guida in sicurezza, è proseguito poi con un test finale concludendosi con lezioni di guida sulle piste “off road” ad Albairate.

"Il percorso formativo - spiega Giuliano Prandoni responsabile del gruppo legnanese Alberto da Giussano  - è stato opportunamente configurato per fornire tutte le informazioni teoriche e pratiche di guida dei mezzi 4x4 di cui le Organizzazioni di Protezione Civile dispongono, facendo sperimentare le capacità dei veicoli stessi, apprendendo nuove competenze di guida su diverse tipologie di terreno, comprendendo i concetti di aderenza e motricità, nonché i limiti del mezzo e le insidie dei percorsi, come il fango, il guado di aree allagate, la presenza di roccia, sabbia o ghiaia, l’affrontare ripide salite e discese e pendenze laterali".

Obiettivo del corso è stato perciò quello di formare i volontari a condurre questi mezzi dotati di particolari attrezzature per portare soccorsi in zone impervie, senza rischi per sé stessi e per gli altri, salvaguardando nel contempo la meccanica della propria vettura e l’ambiente in cui si pratica l’intervento.

L’attenzione alla sicurezza nella guida del fuoristrada è sempre enfatizzata, sensibilizzando in primo luogo i volontari all’osservazione delle varie particolarità morfologiche del territorio su cui ci si trova ad operare per affrontarle in tutta sicurezza, previa l’approfondita conoscenza del veicolo.

"Oltre a tutti i partecipanti che hanno superato brillantemente gli esami previsti - conclude Prandoni - vorrei cogliere l’occasione per rivolgere un particolare ringraziamento alle volontarie della nostra segreteria Anna Maria Caldarone e Vincenza Pricoli e ai tre preziosi nostri volontari Fabio Armiraglio, Roberto Castelnuovo e Luigi Francavilla che sono stati riconosciuti dalla Scuola Superiore di Protezione Civile quali istruttori ufficiali di questo corso che proseguirà nel 2019 con nuove edizioni".

(Marco Tajè)