Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Lutto per la scomparsa del regista Max Croci

Lutto nel mondo del cinema e della cultura per la scomparsa del regista bustocco Max Croci, docente di regia all'Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni.

llustratore e art director prima, poi regista e sceneggiatore, Croci ha debuttato dietro la macchina da presa nel 1995, realizzando Queen Be, primo di una lunga serie di cortometraggi premiati in Italia e all’estero. Successivamente ha alternato la regia di corti, tra i quali Glamour Express e Marameo, a quella di spot pubblicitari.
Per Tele+ ha realizzato con Steve Della Casa il magazine "Commedia Mon Amour", su uno dei generi cinematografici a cui è più legato. A teatro ha diretto gli spettacoli-concerto "Tutto su di me" con Platinette, "Cosa c’è di strano" con Gennaro Cosmo Parlato e "Non ce ne importa niente" con Le Sorelle Marinetti.
È stato autore e regista di diverse produzioni per Sky Italia, come il "Dizionario del cinema", ancora con Steve Della Casa, alcuni documentari e numerosi speciali, oltre al programma "Camerini" per Sky Arte. Ha firmato, con Lucio Pellegrini, la sit-com per Italia 1 "La strana coppia" con Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu.
Nel 2015 è uscito il suo primo lungometraggio, "Poli opposti", al quale sono seguiti "Al posto tuo" (2016) e "La verità, vi spiego, sull’amore" (2017), con Ambra Angiolini e Carolina Crescentini.

Croci, da tempo malato, è venuto a mancare oggi, giovedì 8 novembre. I funerali si svolgeranno sabato 10 novembre alle 14.00 alla Chiesa dei Frati di Busto Arsizio.


L’assessore alla Cultura Manuela Maffioli esprime, anche a nome del sindaco Emanuele Antonelli, la vicinanza dell’ammnistrazione comunale ai familiari e agli amici di Max Croci, regista e sceneggiatore bustocco prematuramente scomparso.
«Una grande perdita per la cultura, per l’Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni, per il "Sistema Cinema" e per tutta Busto - sottolinea Maffioli -. Una notizia tremenda, soprattutto per una città che ama il cinema, come la nostra».
Il cordoglio dell’amministrazione comunale va anche a direzione, docenti, studenti ed ex studenti dell’ICMA dove Max Croci insegnava regia.