Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ex palestra di via Milano, c'è un tetto che (forse) crolla

L'immagine di copertina non arriva da una località colpita da terremoto. E' stata piuttosto ripresa dalla pagina facebook dell'ing. Pierluigi Dell'Acqua, che rinnova l'appello alle autorità competenti perché provvedano quanto prima a metter mano alla copertura della ex palestra di via Milano, in tempo fascista conosciuta come l'impianto della GIL (Gioventù Italiana del Littorio).

L'ing. Dell'Acqua così scrive nel post: "Avevo già segnalato ciò alla giunta precedente che, con la motivazione che la proprietà è provinciale, non ha fatto nulla. Val la pena lasciarla crollare?".

In effetti, proprietario dell'immobile, che si trova accanto al "palazzetto" riservato al volley e che potrebbe causare danni anche qui, nell'eventualità di un crollo del tetto, non è il  Comune ma la Città Metropolitana.

Sulla news è tornato, battendo tutti sul tempo, l'immancabile Daniele Berti. Il consigliere comunale di Movimento X, infatti, dopo aver lanciato appelli per una adeguata manutenzione del parchetto di via Mazzini e per restituire alla città l'area dell'ex Agosti , ha abbracciato subito l'appello di "Ligi", provocando autorità e lettori: "Io punterei una webcam su questo tetto per poi vendere le immagini del crollo in diretta".

(Marco Tajè)