Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Palazzo Molteni affida lo Sportello Stranieri all'Azienda So.Le.

Da settembre Palazzo Molteni ha affidato la gestione dello Spazio orientamento cittadini stranieri all'Azienda So.Le.

Oltre all’operatore di sportello, So.Le. mette a disposizione, sotto il coordinamento della dottoressa Serena Granato, un consulente legale, la collaborazione di mediatori linguistico-culturali e le prestazioni di uno psicologo. Ciò consente di aggiungere alle attività dello sportello propriamente detto (informazione sui diritti e i doveri delle persone straniere, informazioni e consulenza legale su richieste di asilo, permesso di soggiorno, ricongiungimento familiare, cittadinanza italiana e rimpatrio volontario) altre prestazioni che possono rendersi necessarie per assicurare un approfondimento psicologico e un sostegno rispetto alla lingua e alla comprensione del contesto culturale di provenienza. 

«L’obiettivo perseguito è quello di un’azione integrata di tipo transculturale, realizzabile grazie alla professionalità di personale specializzato e alla disponibilità di mediatori linguistico culturali provenienti dalla maggior parte delle aree di immigrazione - spiega l'azienda consortile -. I mediatori sono iscritti in un apposito elenco di professionisti, formato da azienda So.Le. tramite bando di accreditamento. Il bando è pubblico e sempre aperto, per consentire il reperimento di sempre nuovi mediatori, che potrebbero rendersi necessari in relazione alle mutevoli richieste dell’utenza. Al momento accedono al servizio di sportello da sette a dieci persone nelle 5 ore settimanali di apertura al pubblico; la maggioranza delle prestazioni richieste è legata al rinnovo del permesso e della carta di soggiorno, quindi finalizzato alla regolare permanenza In Italia».  

«Busto Garolfo è tradizionalmente un comune attento all’inserimento dei cittadini provenienti da altri Paesi - commenta l’assessore ai servizi sociali Stefano Carnevali -: l’apertura di uno Sportello Stranieri, nel 2005, fu qualcosa di pionieristico per la nostra zona. Oggi, con i numeri dell’immigrazione in costante crescita, la nostra amministrazione ha creduto opportuno non solo mantenere attivo questo sportello, ma addirittura migliorarlo. Siamo certi, infatti, che ogni strumento utile a favorire l’integrazione possa aiutare a prevenire e a diminuire le inevitabili difficoltà connesse all’arrivo di stranieri sul nostro territorio. Da qui l’idea di conferire lo Sportello Stranieri all’Azienda Consortile So.Le. In questo modo, riuscendo anche a contenere leggermente la spesa, Busto Garolfo potrà godere di un servizio più articolato e specializzato rispetto al passato. Il fulcro della proposta aziendale è nell’equipe di esperti che potranno supportare gli operativi dello sportello e lo stesso personale comunale: figure come mediatori culturali, consulenti legali, psicologi e assistenti sociali di coordinamento renderanno questo importante servizio ancora più efficace e funzionale».

Il servizio è rivolto all’utenza residente nel comune di Busto Garolfo, è gratuito e offre anche consulenza agli operatori dei servizi territoriali e a tutti coloro che sono a contatto con la realtà dell’immigrazione. Due i giorni di apertura settimanali, il martedì dalle 15.30 alle 17.30 e il venerdì dalle 10 alle 13.