Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

ANC di Caronno P., due nuovi apparecchi radio dai Lions

Giovedì 26 luglio il Museo Onda Rossa di Caronno Pertusella ha fatto da cornice alla cerimonia di consegna al locale nucleo di volontariato dell’Associazione Nazionale Carabinieri di due apparecchi radio, che saranno di grande aiuto per i servizi che i volontari ANC svolgono sul territorio caronnese in appoggio alla Forze dell’Ordine.

Nell'ambito dell’iniziativa, promossa dal Lions Club Busto Arsizio Onda Rossa in collaborazione con Lions Club Rescaldina Sempione, altri Lions Club, la Scuderia Ferrari Club Onda Rossa ed altre organizzazioni, a metà giugno si è tenuto un meeting al Museo dell'Auto Sportiva Italiana Onda Rossa di Caronno Pertusella, che ha portato al raggiungimento dell’obiettivo economico di dotare i Carabinieri in congedo del Nucleo caronnese di due apparecchi ricetrasmittenti di ultima generazione, che consentiranno loro di poter mantenere i contatti radio con il personale presente sul territorio, garantendo una maggior copertura dell’area di intervento ed una miglior connessione tra gli operatori.

«Un segnale molto forte della sensibilità dimostrata dai Soci "Lions" verso chi, da diverso tempo, si prodiga nell’attività di volontariato a tutela della tranquillità della cittadinanza, impiegando personale formato e qualificato, in vari settori di intervento - commentano dall'ANC di Caronno Pertusella -: osservazione del territorio, supporto ai Comandi territoriali dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia Locale, erogazione di progetti formativi nelle scuole primarie e secondarie, esercitazioni ed interventi di Protezione Civile su tutto il territorio nazionale. Un evento semplice e sobrio, quasi intimo, ma molto importante e significativo, in un’ottica di riconoscimento dei valori di altruismo e gratuità posti in campo dagli uomini del Nucleo caronnese. Stabilire un rapporto solidale, non escludendo possibili future collaborazioni tra organizzazioni, comporterà sicuramente delle ricadute positive su tutta la comunità».