Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Benzinaio ferito, individuato un presunto rapinatore

Da Figisc, il Sindacato dei gestori impianti stradali carburanti di Confcommercio, piena solidarietà a Marco Lepri, il collega di Busto Arsizio rapinato e ferito ieri sera con più colpi d’arma da fuoco. Lepri, dopo essere stato sottoposto a intervento chirurgico, è ricoverato in rianimazione all’Ospedale di Legnano.“Siamo vicini a lui e ai suoi cari. E’ un episodio grave: l’agguato è avvenuto sotto casa con un esito particolarmente violento” afferma Luca Squeri, presidente Figisc Confcommercio Lombardia.

Purtroppo – prosegue Squeri - ancora una volta emerge in tutta la sua drammatica evidenza come i gestori di impianti stradali siano una categoria fortemente a rischio criminalità. Apprendiamo con soddisfazione che uno dei presunti responsabili della rapina è stato individuato e fermato dalle Forze dell’Ordine. Si assicurino presto alla giustizia tutti i rapinatori”.

“Ho sentito - conclude Squeri - il presidente dell’Ascom Confcommercio di Busto Arsizio Rudy Collini e siamo d’accordo che faremo tutto il possibile per aiutare l’associato Marco Lepri ad affrontare questo momento così drammatico”.

E' un pluripregiudicato 50enne, uno dei presunti rapinatori di Marco Lepri. L’uomo è stato trovato in possesso della refurtiva. 

In serata anche Riccardo De Corato assessore alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia ha espresso il suo pensiero sulla drammatica vicenda: "La rapina di Busto Arsizio ai danni di un benzinaio, con uno degli autori che e' stato individuato e fermato dalla squadra mobile di Varese, pone ancora una volta il tema della certezza della pena.  Oltre al fatto che il 40enne di Busto aveva gia' subito diverse rapine in passato, non possiamo piu' permettere che indulti, sconti di pena, amnistie e lassismo di certa magistratura consentano a chi delinque di commettere nuovamente dei reati".