Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Verde Pulito, l'assessore Spirito: "Soddisfazione, ma con retrogusto amaro"

«Tanta soddisfazione oggi, ma con un retrogusto amaro». E' questa la riflessione alla fine della Giornata del Verde Pulito dell'assessore all'ambiente di Canegrate Davide Spirito. Soddisfazione per la grande risposta dei cittadini alla chiamata per prendersi cura del nostro verde, ma retrogusto amaro per la consapevolezza che ci sono ancora tanti, troppi incivili che non rispettano l'ambiente e ogni giorno lo deturpano.

La 37esima Giornata del Verde Pulito si è svolta ieri, domenica 15. A organizzarla l'amministrazione con la collaborazione della Federazione Italiana della Caccia di Canegrate e l'oratorio. Due i momenti principali: la pulizia del parco del Roccolo e la piantumazione dei dodici biancospini per i nuovi nati al parchetto di via dei Partigiani.

«La nutrita partecipazione e l'efficiente organizzazione hanno garantito l'ottimo risultato della mattinata - commenta l'assessore Spirito -. Tanti giovani ragazzi, accompagnati dai genitori e dai volontari, hanno percorso le strade interne al parco del Roccolo; armati di guanti e buona volontà, si è effettuata una accurata pulizia dei sentieri in fiore, ammirando le prime bellezze primaverili. Sono stati riempiti diversi sacchi di pattume, frutto dell'ignoranza, e malcostume di coloro i quali abbandonano i propri rifiuti, incuranti dei danni che arrecano all'ambiente in cui tutti viviamo, generando sdegno negli occhi soprattutto dei più giovani presenti. Terminata l'avventura nei boschi e rifocillati grazie al rinfresco offerto dai cacciatori, ci si è trasferiti al giardinetto comunale di via dei Partigiani, dove sono state messe a dimora 12 piante, una per ogni mese per i nati del 2017. La celebrazione delle nascite piantando un albero è un atto fortemente simbolico, che deve far maturare in ciascuno di noi la convinzione che l'albero è fonte di vita e la natura che ci circonda deve essere salvaguardata il più possibile. Il consolidamento del senso civico e la coltivazione di una coscienza votata al rispetto delle regole, del prossimo e dell'ambiente, sono processi che l'amministrazione comunale affronta nel quotidiano con azioni concrete, come quella odierna. Molto si è fatto e molto altro faremo, con la collaborazione di quanti hanno a cuore il proprio territorio».

(Chiara Lazzati)