Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Adulti e ragazzi invitati a creare un murales per l'acqua

La Giornata Mondiale sullAcqua quest’anno a Castellanza sarà celebrata all’insegna dell’arte e della street art. Domenica 24 marzo sarà inaugurata l’iniziativa a cura dell’associazione HumanitArs14 che porterà alla realizzazione di un murales in via Binda.

«Si tratta di una riqualificazione urbana partecipata dai cittadini - spiega Mario Pariani, consigliere delegato alla protezione civile, amarte dell’arte e parte dell’associazione -. Lavoreremo sul tema dell’acqua perchè la salute del fiume Olona, che attraversa la città, impone una riflessione per sensibilizzare la comunità sul tema del rispetto dell’acqua come bene comune».

Il tema dell’ambiente, attraverso l’arte diffusa e il concetto di museo a cielo aperto, sarà al centro della giornata di domenica 24 guidata dall’artista Cristian Sonda che coinvolgerà adulti, bambini o semplici curiosi, nella colorazione del dipinto. «Sonda, che negli anni si è occupato di progetti di tipo sociale, insegnerà un metodo perchè nel fare un murales ci vuole ordine - commenta la presidente Ornella Nicola -. L’iniziativa è aperta a tutti, anche se ci piacerebbe soprattutto bambini e ragazzi perché il graffito per gli adolescenti è un modo per autodeterminarsi proprio e il muro può essere usato in modo propositivo e costruttivo».

Il progetto mira a rivitalizzare strade, piazze, spazi pubblici cittadini, affinchè tornino a essere luoghi privilegiati di incontro e di scambio. Per HumanitArs14 è importante, in tal senso, il coinvolgimento della cittadinanza, ma soprattutto delle scuole. Il muro al civico di via Binda 1 ricorda la storia della città e del lavoro svolto dai mulini, oltre ad essere un punto di forte passaggio, vicino al mercato, all’università ma anche Mater Domini. I costi per la realizzazione del murales saranno coperti, tramite sponsorizzazione, dal gruppo Cap Holding. L’idea in futuro è quella di fare una mappatura di luoghi dove possibile fare murales, proprio perchè «ci sono muri che possono tornare a nuova vita» sottolinea l’assessore alla cultura Gianni Bettoni.

Dalle 10 alle 12 di domenica 24 verrà inaugurato progetto e si comincerà a disegnerà, tempo permettendo. In caso di condizioni climatiche avverse, dato che con la pioggia non si può lavorare perchè si rovinerebbe il dipinto, Cristian Sonda sarà di nuovo all’opera presumibilmente domenica 15 aprile, in concomitanza con la Urban Color.

(Manuela Zoni)