Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Borse di studio: ecco i 35 ragazzi vincitori di Cerro Maggiore

L'impegno a scuola è stato riconosciuto. Premiati 35 ragazzi cerresi che hanno chiuso il loro percorso alle scuole secondarie di primo grado di Cerro Maggiore nell'anno scolastico 2016/2017 con 10 e lode, 10 e 9. Per loro una borsa di studio. E per altri 5 ragazzi meritevoli, ma non residenti, pergamena e libro.

I ragazzi cerresi che hanno coronato la loro esperienza alle medie con il massimo dei voti (10 e lode) sono stati Eleonora Crivelli, Alessia Dalla Chiesa, Giulia Colombo, Maida Mariani e Antonio Imperato, a chiudere con 10, invece, Leonardo Affolti, Lodovica Borella, Lara Campo, Giulia Colombo, Silvia Dell'Acqua, Veronica Iannotta, Sibilla Liotto, Federica Lombardi, Alice Lucchini, Natalia Martello, Sabrina Minea, Cristina Monza, Alessia Pezzoni, Giulia Quagliaroli, Erika Rimoldi e Nicolò Sartirana, tra i non cerresi da 10, Melissa Nguyen e Vittorio Pio Rossoni. "Licenziati" con 9, infine, i cerresi Jacopo Carettoni, Lidiya Castiglioni, Massimo Cavalleri, Chiara Colombo, Giada Di Bella, Khadija El Hamzaoui, Beatrice Erceg, Ilaria Farina, Lorenzo Fognani, Miriana Gianazza, Daniele Gianoli, Samuele Perotti, Valentina Presbitero e Giuseppe Sciolti. Tra i non cerresi Davide Cerciello, Selene Cozzi e Valerio Pio Rossoni.

La serata di premiazione si è svolta sabato al termine dello spettacolo di apertura della rassegna Anita Bollati, in scena con la commedia "Se io potrei" della compagnia teatrale "Ridi per Caso". A consegnare i riconoscimenti il dirigente area servizi alla persona Fabio Airaghi e la professoressa di matematica Rosalba Capettini dell'istituto comprensivo Strobino. Ospiti della serata anche i volontari dell'associazione Comitato di Accoglienza Bambini di Chernobyl che, attraverso Marita Maggioni, hanno presentato il loro progetto di accoglienza.

(Chiara Lazzati)