Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Regionali, i pendolari "chiamano" i candidati consiglieri

Dopo aver scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e ai sindaci della tratta Varese-Milano, ora il Comitato pendolari Gallarate-Milano scrive ai candidati alle prossime elezioni regionali.

Nel mirino dei pendolari di "casa nostra", la speranza di dar vita insieme ai candidati consiglieri del territorio ad una tavola rotonda dove discutere problemi ed esigenze dei pendolari. E magari all'indomani della prossima tornata elettorale, le tematiche discusse possano diventare per il nuovo Parlamento regionale impegni politici concreti ad affrontare una volta per tutte questioni ormai più che note come il sovraffollemento dei convolgi ferroviari e l'inadeguatezza delle infrastrutture.

«Sono anni che ci interfacciamo su vari tavoli (ed in particolare quello regionale gestito da Trenord) per chiedere chiarimenti e offrire soluzioni affinché la mobilità possa essere un buon connubio tra utenti e aziende erogatrici dei servizi, ottenendo purtroppo molte promesse e pochi fatti - scrive Raffaele Specchia, portavoce del comitato, nella missiva inviata alle segreterie delle forze politiche in corsa per il Pirellone -. Anche alla luce del terribile deragliamento di un treno a Pioltello, invitiamo i candidati consiglieri ad un tavolo di confronto in cui vi chiediamo di ascoltare le esigenze dei pendolari. Ascolto che, una volta eletti in regione, divenga politica concreta, sostenendoci in particolare sui seguenti temi: sovraffollamento dei treni; inadeguatezza dell'infrastruttura ferroviaria e necessità del potenziamento infrastrutturale; attuazione di politiche per la creazione dei nodi di interscambio gomma/rotaia».

«Non cerchiamo facili promesse irraggiungibili - conclude Specchia -, ma futuri politici in grado di saper ascoltare e avere sempre presente che solo con scelte concrete e piccoli passi si può essere realmente vicini alla "Lombardia che lavora" e che ogni giorno si mette in marcia su un treno per rendere questa regione ancora migliore».  

L'incontro, se i candidati accetteranno l'invito, si terrà a San Giorgio su Legnano, dove il sindaco Walter Cecchin si è impegnato a mettere dei locali a disposizione dei pendolari. Le possibile date individuate dal comitato sono lunedì 19, mercoledì 21 e venerdì 23 febbraio.

(Leda Mocchetti)