Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Smog, riparte il blocco del traffico più inquinante

A partire da martedì 21 novembre 2017 torneranno ad essere attive le misure antismog temporanee di primo livello previste dal Pirellone, in aggiunta alle misure permanenti in vigore dal 1 ottobre 2017 e al 31 marzo 2018. 

Le misure temporanee di primo livello scatteranno per i Comuni lombardi con più di 30.000 abitanti nei quali opera un adeguato servizio di trasporto pubblico locale, e negli altri comuni aderenti. I Comuni della Città metropolitana di Milano con popolazione superiore a 30.000 abitanti sono Milano, Paderno Dugnano, Rozzano, Cernusco sul Naviglio, Pioltello, Cologno Monzese, Bollate, Cinisello Balsamo, Corsico, Legnano, San Donato Milanese, Rho, Segrate, Sesto San Giovanni, San Giuliano Milanese e Abbiategrasso.

Le misure potranno essere revocate dopo due giorni consecutivi di rilevamento dei valori entro la norma, a cura di ARPA Lombardia. In caso di sforamento dei valori per 10 giorni consecutivi, invece, verranno attivate anche le misure temporanee di secondo livello.

I divieti alla circolazione che saranno in vigore da domani riguarderanno le autovetture private diesel di categoria inferiore o uguale euro 4, dalle 8.30 alle 18.30 e i veicoli commerciali diesel di categoria inferiore o uguale ad euro 3, dalle 8.30 alle 12.30. Per tutti i veicoli, inoltre, scatterà il divieto di sostare con il motore acceso.

Sono previste anche limitazioni al riscaldamento, con la soglia di 19°C (con tolleranza di 2°C) per le temperature medie di abitazioni ed esercizi commerciali ed il divieto di utilizzo dei generatori a legna per il riscaldamento domestico con classe di prestazione emissiva inferiore a 3 stelle (in presenza di impianto alternativo). 

Ulteriori provvedimenti riguardano il divieto di spandimento di liquami zootecnici ed il divieto di combustione all'aperto (falò, barbeque, fuochi d'artificio, ecc...).