Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Castellanza vuole vietare le griglie al Pam, Legnano e Busto contrari

Niente più griglie accese al Parco Alto Milanese per il sindaco di Castellanza Mirella Cerini, che ha lanciato la proposta ai colleghi di Legnano, Gianbattista Fratus e a quello di Busto Arsizio, Emanuele Antonelli. Durante una riunione informale tra i prima cittadini, convocata proprio dal sindaco Cerini, la stessa avrebbe richiesto, in merito alle tre aree della baitina dove è consentito grigliare, la modifica del regolamento di fruizione del parco «per vietare in modo tassativo la possibilità di grigliare ovunque - si legge nel verbale dell'incontro -, stante i mancati controlli per far rispettare il divieto di accensione dei fuochi a terra».

Sulla questione, sono stati ricordati da Cerini i principi di incendio che spesso sono accaduti in primavera, la quale ha anche ipotizzato di «trovare apposito personale che possa dissuadere con le buone o con le cattive maniere gli avventori non rispettosi delle regole», indicando come possibilità quella di «stipulare apposita convenzione con i parchi regionali che hanno personale di ruolo come i guardiaparchi in quanto solo le G.E.V. e le forze dell'ordine possono sanzionare i comportamenti contrari al Regolamento di Fruizione del Parco, mentre la Protezione Civile può solo segnalare detti comportamenti alle forze dell'ordine».

Il sindaco Cerini non ha però trovato, in questa proposta, il favore dei colleghi, contrari all'eliminazione del permesso di grigliare nelle tre aree appositamente attrezzate. «Non si può vietare di grigliare perchè il parco perderebbe così la sua identità - ha commentato il sindaco di Legnano, Gianbattista Fratus -. La proposta è piuttosto quella di aumentare la vigilanza per prevenire incendi e atti vandalici, ma anche capire come coinvolgere altri enti di pubblica sicurezza come le Guardie del Ticino per dare un aiuto concreto alla Polizia Locale». La proposta di Antonelli, invece, è quella di rimettere in funzione le griglie danneggiate, studiando la possibilità di incrementare la sicurezza nell'area, anche con l'ausilio di telecamere.

A novembre, i tre sindaci, insieme al consiglio di amministrazione, si ritroveranno ancora per riparlare di tale proposta e trovare una soluzione ai problemi esistenti. 

(Manuela Zoni)