Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Da Rho ad Arquata del Tronto per consegnare 5.500 euro raccolti per i terremotati

  • CRONACA / RHO
  • giovedì 26 ottobre 2017
  • 748 Letture

Promessa mantenuta, anche se il prolungarsi della raccolta fondi e l'avanzare della stagione fredda hanno impedito che la "consegna" venisse effettuata arrivando in bicicletta sino ad Arquata del Tronto: le associazioni ciclistiche Velosport, Biringhello e AMSPO avevano infatti dato il via a una serie di iniziative mirate alla raccolta fondi per le popolazioni terremotate e, sabato scorso, i rappresentanti dei tre gruppi sono saliti in auto per arrivare sino ad Arquata e consegnare quanto raccolto. A "tirare il gruppo" in rappresentanza delle tre associazioni c'erano Antonio Cribiù, Cesare Crippa, Gianluigi Mazza, Valerio Oneta Lorenzo Visentin

"Con la consegna nella mattinata di sabato 21 ottobre di un assegno circolare di 5.500 euro al Sindaco di Arquata del Tronto Sig. Aleandro Petrucci, è stato raggiunto l’obiettivo che ci eravamo prefissati - racconta Valerio Oneta, segretario dell'Amspo di Rho -. Ci ha accolto calorosamente il consigliere Maurizio Paci che ci ha spiegato nel dettaglio la situazione attuale di Arquata, mentre ciò che vedevamo, era notevolmente più toccante di ogni immagine descritta o vista in tv". Le fotografie scattate in occasione della visita spiegano meglio di ogni parola le condizioni di alcune zone di Arquata del Tronto. 

"Il ricavato, contrariamente a quanto avevamo scelto in un primo tempo ovvero materiale scolastico/didattico - continua Oneta -, sarà utilizzato per l'acquisto di plotters per la stampa di prospetti e progetti edili e topografici di grande formato, cosa di cui hanno enormemente e urgentemente bisogno in questo momento per progetti di ricostruzione. La scuola, infatti, fortunatamente, è quella che ha ricevuto più fondi poiché quasi tutte le donazioni devolute al Comune avevano come scopo l'aiuto per questa struttura: ora completamente funzionante e completa in ogni sua parte.  Il signor Paci ci ha assicurato l’invio di una mail con l’ immagine della strumentazione acquistata, sulla quale verrà apposto il nome della città di Rho".

"Dopo l’incontro con il sindaco. Aleandro Petrucci, che ha voluto rilasciarci un attestato di ringraziamento, siamo rientrati a Rho, con la consapevolezza che sarà difficile dimenticare quanto visto - conclude Oneta -. Un sentito grazie a tutti, Comune, Privati, Aziende e Associazioni che ci hanno aiutato in questa impresa".