Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

In consiglio bilancio e mozione di sfiducia all'assessore Lazzarini

E' convocato per la sera di martedì 19 marzo alle 20.15 il consiglio comunale della città di Legnano.

 Oltre alla presentazione del bilancio di previsione, documento principe del Comune, all'ordine del giorno anche una mozione di sfiducia, atto politico presentato dalla minoranza nei confronti dell'assessore alle opere Pubbliche, Chiara Lazzarini. 

Nella mozione le minoranze si riferiscono ai fatti di Amga sottolineando che «risulta tuttora in corso la causa promossa da Amga contro Chiara Lazzarini ed altri per richiedere un risarcimento danni derivati dalla sua attività di amministrazione di questa società». Essendo «Amga una società controllata dal Comune di Legnano che ne detiene la maggioranza delle quote», secondo le opposizioni «sussistono pertanto evidenti ragioni di incompatibilità politica e di possibili conflitti di interesse istituzionale». I firmatari invitano il consiglio comunale a manifestare sfiducia nei confronti dell'assessore, invitando Lazzarini a presentare le dimissioni e il sindaco a revocarle la nomina nel caso in cui la stessa non rassegni le proprie dimissioni.

Sicuramente una presa di posizione politica forte da parte delle opposizioni: sarà il "verdetto" del Parlamentino a scoprire le carte, rivelando se anche da parte di qualche esponente della maggioranza la scelta sarà quella di seguire l'esempio delle minoranze

In programma l'ordine del giorno presentato dai gruppi di maggioranza sul potenziamento della linea ferroviaria Rho-Gallarate. 

Il Movimento 5 Stelle ha inoltre presentato alcune interrogazioni, tra cui una sul crollo dei calcinacci allo Stadio Mari, chiedendo in particolare se sono stati effettuati controlli strutturali per certificare l'assenza del rischio di nuovi crolli, una sulle start-up, per chiedere alla giunta di adottare politiche di incentivazione e di sostegno, e una sulla fondazione cultura per chiedere a che punto sia lo stato dei lavori.