Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Illuminazione pubblica: "Entro maggio definiremo la riqualificazione"

«Entro maggio, massimo prima dell'estate, il progetto dell'illuminazione dovrà essere definito». Appare determinata l'assessore alle Opere Pubbliche, Chiara Lazzarini, durante la commissione consiliare di giovedì 21 marzo, nel corso della quale è stata approfondita la questione della riqualificazione, da sei milioni di euro, dei 7mila punti luce di Legnano. Una cifra importante, messa nero su bianco nel piano triennale delle opere pubbliche 2019-2021.

 L'illuminazione verrà rinnovata basandosi sulla relazione firmata dallo Studio Ardizzone, che presenta indicazioni precise sulle tecnologie più idonee per un rinnovo in pieno "stile" smart city

«In questo momento, l'illuminazione è un tema molto sentito - afferma Lazzarini - È una partita da definire al più presto. Sappiamo bene che le possibilità sono tre. Tra queste c'è anche l'ipotesi di assegnare l'illuminazione pubblica in house providing ad Amga Legnano Spa. Amga potrebbe effettuare una gara europea per la riqualificazione e poi farsi carico della gestione e della manutenzione. A nostro avviso, Amga deve avere una nuova missione industriale: non dev'essere solo un'azienda...  passacarte». 

Entro aprile sarà nominato il nuovo direttore generale della partecipata, in quanto il bando per l'assegnazione del posto scadrà a breve: «Stiamo attendendo la nomina del nuovo direttore generale, poi ci aspettiamo di capire quale sarà la progettualità individuata da Amga. Vaglieremo la loro proposta. Se non sarà adeguata, si potrebbe fare come  Busto Arsizio, ricorrendo al privato. Entro fine maggio, vorremmo aver individuato il percorso da intraprendere: l'illimunazione pubblica ha una priorità massima». 

(Gea Somazzi)