Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

4 nuove antenne di telefonia mobile, il Comune non approva

Con una recente delibera di Giunta, l'amministrazione comunale ha deciso di non dare il proprio assenso all'installazione di quattro impianti di telecomunicazione sul territorio comunale.

La richiesta dell'operatore di telefonia mobile Iliad Italia riguardava la collocazione delle antenne su terreni di proprietà comunale ad oggi non individuati come aree concesse ad uso pubblico. Aree per le quali «è stata già individuata dallo strumento urbanistico una destinazione pubblica quale verde o parcheggio, tra altro già realizzate nella quasi totalità dei casi», cui la giunta ha deciso di non rinunciare

Il rifiuto viene spiegato nella delibera, nonostante «la giurisprudenza amministrativa ritenga che le infrastrutture di reti pubbliche di comunicazione siano assimilate alle opere di urbanizzazione primaria e che gli impianti in questione e le opere accessorie occorrenti per la loro funzionalità rivestono carattere di opere di pubblica utilità e consentendone quindi la localizzazione in qualsiasi parte del territorio comunale in quanto compatibili con tutte le destinazioni urbanistiche».

L'ente locale, infatti, mantiene la competenza sul governo del proprio territorio, e l'amministrazione Fratus ha deciso di non concedere spazi pubblici per l'installazione dei quattro nuovi impianti di telecomunicazione.

Foto d'archivio ripesa dal web

(Marco Tajè)