Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Saldi invernali, al via il 5 gennaio

Sabato 5 gennaio in tutte le regione italiane, tranne la Basilicata, scatteranno i saldi invernali. Le date della fine dei saldi, invece, cambiano da regione a regione. In Lombardia dureranno fino al 5 marzo. Come ormai da qualche anno, non mancano le perplessità riguardo offerte mascherate prima dell'inizio ufficiale, così come i saldi online che durano in genere tutto l'anno.

«Con la stagione dei saldi - afferma l'assessore regionale allo Sviluppo Economico Alessandro Mattinzoli - si apre un periodo di buone prospettive per tutto il commercio in Regione. E' speranza infatti che gli incoraggianti segnali arrivati dalla vendite natalizie proseguano anche in questo mese di gennaio. Del resto buona è stata la domanda interna, così come è stata eccellente la risposta che i numerosissimi turisti hanno dato in queste festività natalizie. E' un sistema, questo dei saldi, che certamente aiuta il commercio, soprattutto quello tradizionale, ad offrire prodotti di qualità scontati, riavvicinando la grande clientela».

«Sempre importante è anche il ruolo dei Comuni - ha sottolineato ancora Mattinzoli - a cui è affidato il compito di controllare e di verificare il rispetto delle regole. E' fondamentale infatti che non si incrini il rapporto di fiducia tra operatore commerciale e cliente che deve essere basato su regole di trasparenza, legalità e concorrenza leale».

Ecco le regole dei saldi che ogni consumatore deve tenere presente durante i suoi acquisti: i commercianti hanno l'obbligo di esporre, accanto al prodotto, il prezzo iniziale e la percentuale dello sconto o del ribasso applicato (è invece facoltativa l'indicazione del prezzo di vendita conseguente allo sconto o ribasso); i prodotti in saldo devono essere separati da quelli eventualmente posti in vendita a prezzo normale e, se ciò non è possibile, cartelli o altri mezzi devono fornire al consumatore informazioni inequivocabili e non ingannevoli; se il prodotto risulta difettoso, il consumatore può richiederne la sostituzione o il rimborso del prezzo pagato dietro presentazione dello scontrino, che occorre quindi conservare.

(Manuela Zoni)