Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cineforum Pensotti Bruni: ma quanti bei film!

“Come puoi essere un rivoluzionario se sei così tradizionalista?”

Il Cineforum Marco Pensotti Bruni apre i battenti con quello che probabilmente è stato il miglior film della scorsa stagione, La La Land. Ma oltre a farci rivedere questo capolavoro, ce l’hanno anche fatta sentire in lingua originale e non posso che dire “questa perla rara è stata goduta al 100%”.

Oltre a un bel film, anche un bel pubblico, le tessere sono andate esaurite e la scaletta di questa 62esima stagione ha i suoi spettatori assicurati, e meno male per loro.

Si, perché quest’anno ci sono film davvero interessanti.

Già settimana prossima un film che bisogna assolutamente vedere come La Tenerezza di Gianni Amelio, altro film molto consigliato è Sole, Cuore, Amore di Daniele Vicari, Neruda di Pablo Larrain, che non ha mai deluso le aspettative quando è dietro la macchina da presa.

Captain Fantastic di Matt Ross bisogna assolutamente vederlo, Viggo Mortensen è in stato di grazia, Arrival del talentuoso Denis Villeneuve non può non mancare, uno che con la fantascienza ultimamente sta andando davvero bene.

Animali Notturni di Tom Ford è uno di quei film che non hanno avuto il giusto apprezzamento dal mio modo di vedere il cinema, assolutamente da vedere.

Il Disprezzo di Jean-Luc Godard e Frantz di Francois Ozon sono due ottime chicche restaurate in lingua originale, è sempre un bene proporre pietre miliari del cinema.

Infine voglio mettere in evidenza due film che la scorsa stagione mi hanno davvero sorpreso come Manchester By The Sea di Kenneth Lonergon e Moonlight di Berry Jenkins. Sul primo trovo che la recitazione di Affleck non sia proprio da Oscar ma tutto ciò che sta intorno al suo personaggio è qualcosa di semplice ma tutto perfetto, ogni cosa al posto giusto nel momento giusto, un bel film drammatico con dei bei personaggi caratterizzati. Moonlight dal suo canto ha invece una trama per nulla scontata ed è tanto forte quanto fragile, ed è forse in queste caratteristiche che ha trovato la forza di vincere il Premio Oscar come miglior film, senz’altro, come per La La Land anche se in diverso modo, è uno di quei film la cui regia ti rimane impreso e certi movimenti di macchina te li porti nella memoria.

Insomma, questa edizione 2017/2018 al cineforum Marco Pensotti Bruni ha in serbo  vere perle cinematografiche per il suo pubblico.

(J.J. Bustamante)