Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

La US Nervianese fa 100 anni e porta i campionati italiani master a Nerviano

La US Nervianese ciclismo compie cento anni. E per festeggiare questo traguardo porta per la prima volta a Nerviano un grande evento sportivo: i campionati italiani master strada, gara nazionale valida come prova unica per l'assegnazione del titolo tricolore. Le gare si terranno su due giorni: sabato 22 e domenica 23 giugno. Partendo dal campo sportivo Re Cecconi gli atleti, divisi in quattro categorie, dovranno affrontare percorsi da 66, 78 o 116 km. Non mancherà nemmeno, in questo 2019, un altro degli appuntamenti più attesi: la Coppa caduti nervianesi, che come ogni 25 aprile da ormai 73 anni, è «fiore all'occhiello» del mondo sportivo nervianese e ricorda la Liberazione.

Le due manifestazioni sportive sono state presentate ieri sera, venerdì 12, in sala Bergognone. Presenti i vertici delle federazioni ciclistiche regionali e nazionali, oltre al presidente della Nervianese Gianantonio Re Depaolini e all'amministrazione. Proprio dal Comune arriva un regalo per il centenario. «Stiamo lavorando per portare a Nerviano, il 15 settembre, il passaggio della Coppa Bernocchi - ha confermato ieri sera, venerdì 12, il sindaco Massimo Cozzi alla presentazione della stagione sportiva 2019 della Nervianese -. Siamo in trattativa».

Quella del centenario, come definita dall'assessore allo sport Alfredo Re Sartò, è «un'occasione unica». La storia della Us Nervianese corre indietro fino al 1919, quando a Nerviano nacque l'Unione sportiva che riuniva appassionati di ciclismo, calcio, nuoto e atletica. Nonostante il difficile periodo del primo dopoguerra e, poi, l'imperversare della seconda guerra mondiale la Nervianese continuò a essere presente sul territorio. Per la Sezione Ciclismo, la ripresa dell’attività coincise con l’organizzazione della prima Coppa caduti nervianesi, promossa dalla Sezione ANPI con l’intento di commemorare il sacrificio dei numerosi concittadini che si sacrificarono per la Libertà. Oggi la Nervianese conta circa novanta soci e una sessantina di appassionati cicloamatori e cicloturisti tesserati alla F.C.I.

(Chiara Lazzati)