Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Tre ciclisti del Legnanese alla super randonnée Roma-Matera-Roma

Tre ciclisti del Legnanese al traguardo della super randonnée 999 Miglia Roma - Matera - Roma: i parabiaghesi Mino Repossini della S.C. Busto Garolfo e Paolo Mancini della Brunelli Sport e il nervianese Michele Sabella, portacolori della U.S. Nervianese 1919. Del gruppo faceva parte anche un quarto atleta, il parabiaghese Paolo Monteverdi, che però ha dovuto interrompere la prova dopo "soli" 400 km per un problema di salute, fortunatamente senza conseguenze. 

La manifestazione ciclistica di ultradistanza, partita tra venerdì 23 e sabato 24 giugno dalla splendida cornice del Circo Massimo di Roma, si è svolta sotto i colpi di un caldo africano che ha toccato punte di 44 gradi, creando non pochi problemi ai ciclisti che si sono trovati ad attraversare lunghe zone quasi desertiche della Basilicata e della Puglia sotto un sole cocente.

Ben 1.610 km di percorso per circa 20mila metri di dislivello, con partenza da Roma e arrivo di nuovo a Roma, passando per Caserta, Napoli, Pompei, Sorrento e la Costiera Amalfitana, per poi svoltare verso l'interno sugli Appennini intorno a Potenza fino a raggiungere la Basilicata con Montescaglioso e Matera. Da lì, si raggiungevano i trulli di Alberobello, Martina Franca e Polignano, si attraversavano le Murge, Benevento e l'Irpinia fino alle pendici abruzzesi, il Parco Nazionale degli Abruzzi, il Matese e la cima Coppi della Bocca di Selva, si proseguiva fino al lago di Castel di Tora per poi ridiscendere nella città eterna. Tempo massimo per i randonneur 150 ore, mentre per la modalità turistica ne venivano concesse 18 in più.

I tre partecipanti "nostrani" fanno parte dei 218 ciclisti che hanno tagliato il traguardo della gara, a fronte dei 274 partenti. Tra questi, 153 atleti sono riusciti a rispettare il tempo massimo previsto, conseguendo così il brevetto randonnée.