Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Legnarello e SS.Martiri insieme per un "buon" calcio

Stessa filosofia nel modo di fare calcio, inteso come puro divertimento, dove aggregazione ed abnegazione sono le parole d’ordine per far capire di quale progetto si stia parlando, questo in sintesi il significato dell’accordo intercorso tra ASD Legnarello e Polisportiva Santi Martiri che ha portato le due società ad una sorta di fusione. In realtà si tratta di un’unione di forze oltre che di intenti, in quanto se l’ASD Legnarello ha portato avanti un discorso legato quasi esclusivamente legato alla juniores ed alla prima squadra, partecipante al campionato di terza categoria, la Polisportiva Santi Martiri si è sempre occupata di programmi inerenti il settore giovanile, con un’esperienza oramai quasi ventennale.

“La strada da percorrere era una sola, l’unire le forze è stata la logica conseguenza per non disperdere troppe risorse e per aver un peso maggiore all’interno della nostra città”, queste le parole pronunciate da Gaudenzio Costacurta, presidente dei SS. Martiri nel presentare questa interessante iniziativa.

Gli fa eco il presidente dell’ASD Legnarello Roberto Monzani che esprime il suo concetto di calcio con queste parole: “A Legnano c’è spazio per poter fare del buon calcio, dipende dagli obiettivi che ti poni e da come li porti avanti, il raggiungimento della categoria superiore conseguito con anche giocatori provenienti dal nostro settore giovanile è il nostro scopo”.

Legnarello e Santi Martiri, due realtà da sempre così diverse che ora hanno trovato un intento comune. E’ ancora Roberto Monzani a spiegare il perché di questa scelta: “Nel 2014 siamo tornati a far calcio dopo nove anni d’interruzione, ora abbiamo maturato quell’esperienza utile a raggiungere determinati traguardi, presenteremo una squadra in cui quattro elementi provengono dal settore giovanile di Legnarello e Santi Martiri, con alcuni nuovi innesti importanti”.

Tante novità anche sulla sponda giallonera, con Gaudenzio Costacurta che illustra i nuovi programmi: “A settembre inizieranno i lavori di rifacimento del campo di via Bainsizza, la preparazione verrà effettuata sul campo dell’oratorio di Mazzafame per le categorie dai primi calci ai 2006, dagli esordienti in su, compresa la formazione juniores e la prima squadra, verranno usate le strutture comunali di via Parma e del campo dell’Amicizia. Possiamo contare su circa duecento tesserati, una buona base per poter fare bene”

Uno degli artefici di questa escalation dei Santi Martiri è senza alcun dubbio il direttore generale Angelo Ferri, figura di notevole spessore umano e tecnico che da parecchi anni riveste questa carica con notevole successo.

Oltre al settore giovanile che sarà presente in tutte le categorie, il connubio Legnarello-Santi Martiri sarà ai nastri di partenza dei campionati juniores e, come già detto, di 3^ categoria. Gli juniores saranno guidati da Michele Mecca che si avvarrà della collaborazione dei dirigenti Mauro Pitaro, Michele Amelio, Libero Primativo e Fabio Carfora, la squadra sarà composta da giocatori provenienti da entrambe le società e si annuncia estremamente competitiva. In 3^ categoria il tecnico che siederà sulla panchina giallorossa sarà Cataldo Bucci, con Danilo (Lillo) Oldrini allenatore in seconda, Enea Nicoli e Francesco Scigliano preparatori dei portieri, Andrea Muroni, Gianluca Pecchia e Mattia Lazzati dirigenti accompagnatori e Luigi Ricotta nel ruolo di assistente arbitrale, mentre il direttore sportivo sarà Fabio Ronca.

La rosa completa della prima squadra verrà ufficializzata a breve anche se possono essere già considerati definitivi gli arrivi di alni nuovi tesserati, il portiere Samuel Campidiglio, i difensori Giulio Barbui e Gianluca Mezzanzanica, il centrocampista Cristian Dell’Acqua e l’attaccante Davide Merenda, in attesa di un paio di colpi di mercato che dovrebbero far fare il salto di qualità a questo nuovo ed ambizioso sodalizio.

(Sergio La Torre)