Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Niente C Gold per la Pallacanestro Cerro Maggiore

Niente C Gold per la Pallacanestro Cerro Maggiore. Traguardo sfumato per la squadra di basket dai colori biancoblu.

Di seguito il reconto integrale della società.


Svanisce negli ultimi quaranta minuti stagionali il sogno della Pallacanestro Cerro Maggiore di riprendersi la C Gold. I biancoblu di Mattia Botti perdono nettamente in casa contro Calolziocorte (55-82), con i biancorossi lecchesi che confermano così tutta la loro forza. Per Cerro Maggiore una domenica negativa davanti al tanto pubblico occorso al PalaOlympia, speranzoso di assistere ad un’altra impresa dopo quella di Olginate in gara-2.

Pronti, via e Calolzio comincia a bombardare da tre punti. Facendo capire fin da subito quale sarà il leit motiv della partita. Cerro Maggiore costretta sempre a rincorrere (10-19 al primo mini-riposo) e in balia degli avversari. L’ingresso di Ballarate e la fisicità di Persico danno un pizzico di esperienza in più ad una squadra che, però, non ha più energie dopo la partita di mercoledì. Il vantaggio diventa sempre più grande e Cerro alza bandiera bianca.

Calolzio trascinata da Zambelli (14 punti) e da un continuo bombardamento da tre punti, arriva fino alla sirena finale con ampio margine di vantaggio. Taglio della retina e bottiglia di spumante stappata, mentre Cerro guarda al futuro. «Spiace quasi non averla giocata la finale – spiega il tecnico Mattia Botti a fine garama abbiamo fatto comunque un’ottima stagione. Avevamo l’obiettivo di ricompattare un gruppo dopo la retrocessione e l’abbiamo fatto, spiace per l’epilogo finale ma evidentemente avevamo dato veramente tutto in gara-2».

Pallacanestro Cerro Maggiore