Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Sette atlete Bulldog al Nike Elite Clinic

Sette atlete delle Bulldog Basket Canegrate al Nike Elite Clinic, un evento che si è svolto al PalaPertini di Vittuone, dove in due turni sono state invitate 60 tra le migliori atlete giovanili delle annate dal 2002 al 2004.

Di seguito il racconto a firma del Basket.


In questa stagione la Nike ha lanciato il progetto “Nulla può fermarci”, per dare voce e forza alla nuova generazione di ragazze italiane attraverso lo sport.

Uno degli appuntamenti più prestigiosi è stato il Nike Elite Clinic, che si è svolto al PalaPertini di Vittuone, dove in due turni sono state invitate 60 tra le migliori atlete giovanili delle annate dal 2002 al 2004.

Il prestigioso appuntamento, magistralmente organizzato dallo staff Nike capitanato dalla Responsabile Alessia Sergon, ha visto la presenza di ben sette atlete del club nero-arancio del Basket Canegrate: Alessia Viola (guardia; annata 2002), Martina Colombo (ala-centro; annata 2002); Serena Aloisi (centro; annata 2003), Vittoria Ravasi (play-guardia; annata 2003); Irene Aprile (guardia; annata 2003); Maria Chiara Austero (play; annata 2004) e Emma Colombo (ala; annata 2004) oltre a coach Luca Linari nel ruolo di assistente.

Il tutto si è rivelato un esperienza altamente formativa per le giovani Bulldog che, oltre a socializzare con altre coetanee di realtà diverse, hanno potuto svolgere un allenamento tecnico di alto livello con l’allenatore della Nazionale Under 18 Femminile Roberto Riccardi e della Nazionale Under 14 Maschile Alessandro Nocera.

A interagire con loro sul campo erano presenti la simpaticissima ex giocatrice e capitana del San Martino di Lupari, ora telecronista di SportItalia, Mary Sbrissa e la talentuosa atleta del Famila Schio e della Nazionale Olbis Futo Andrè, uno dei maggiori giovani prospetti a livello Europeo e nel mirino di alcune franchigie della WNBA.