Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

La Sangiorgese Basket ha la meglio sulla capolista Omegna

Partita emozionante ed avvincente quella andata in scena lunedì 18 febbraio al PalaBertelli. Ai ragazzi di coach Quilici era stata chiesta la partita perfetta e con cuore, partecipazione, gruppo ed attenzione, sono riusciti con merito ad avere la meglio su un avversario forte, preparato ed organizzato, che fino a ieri guardava tutti dall'alto in virtù del primato in classifica.

I bluarancio con lucidità sono riusciti a rispettare il piano gara e con ordine ed intelligenza hanno gestito un match molto difficile, contenendo al meglio gli avversari, che fatta eccezione per un super Grande e per Arrigoni hanno trovato molta difficoltà ad attaccare il ferro. I bluarancio hanno avuto il merito di stare nella partita con la testa, soprattutto nei momenti di difficoltà e di sfruttare al meglio le situazioni d'attacco con il contributo di tutti. Il primo dato significativo è il numero di rimbalzi conquistati in più rispetto ad Omegna che sicuramente nel suo roster vanta giocatori più fisici. Un successo di squadra dove ogni singolo interprete ha contribuito concretamente ad un successo di prestigio e fondamentale per il proseguo della stagione. Tra i bluarancio vanno sottolineate le prestazioni dei due gemelli Rota e Roveda che hanno fatto dannare la difesa di Omegna per dinamismo, velocità ed imprevedibilità. Il primo ha messo a referto 16 punti, mentre il secondo 8 punti è 6 rimbalzi conquistati. Molto bene anche Alfonso Di Ianni che ha fatto valere tutto il suo atletismo conquistando 10 rimbalzi e tutto il suo talento realizzando 11 punti. Toso e Colombo seppur con un minutaggio limitato, hanno fatto valere tutta la loro fisicità, bene ancora una volta le prove di Bocconcelli e Fioravanti che hanno portato punti fondamentali, come Cozzoli autore della solita partita di impegno ed ardore agonistico costretto però a lasciare il parquet in anticipo a causa di un fallo tecnico e di un anti sportivo. Di sostanza invece l'apporto di Salvatore Parlato, soprattutto nella fase difensiva. 

Ltc Sangiorgese Basket - Paffoni Omegna 69 - 65 (15-17, 17-16, 17-14, 20-18)

Nel primo quarto Omegna parte subito forte con le soluzioni da sotto di Balanzoni. Rota risponde per i bluarancio, ma Scali è soprattutto Grande con due Triple provano ad allungare per gli ospiti. I Draghi non ci stanno e con le triple di Bocconcelli e Di Ianni ritornano in scia chiudendo il periodo sotto di due 15-17.
Nel secondo quarto la partita rimane in perfetto equilibrio. Arrigoni e Grande provano nuovamente ad allungare per Omegna, ma i blu arancio attenti e precisi rispondono prontamente con la tripla di Cozzoli, i canestri di Colombo e Fioravanti ed i liberi di Roveda e Bocconcelli andando al riposo lungo sotto di uno 32-33.
Nel terzo quarto la Sangio alza l'intensità difensiva. Omegna fa più fatica a trovare il canestro ed i padroni di casa con Di Ianni da tre e i canestri di Bocconcelli mettono la testa davanti. Omegna risponde con Balanzoni e Cantone, ma Roveda e Parlato realizzano i canestri che fanno chiudere il periodo sul +2 49-47.
Nel quarto periodo Arrigoni e Grande sono gli ultimi a mollare per la Paffoni, ma i ragazzi di coach Quilici trascinati da Rota e Roveda trovano un break decisivo e con la schiacciata di capitan Toso si aggiudicano l' incontro con il punteggio finale di 69-65.

«Sicuramente è stata una grande partita - sottolinea il presidente Carlo Ponzelletti -, ed è proprio questa la risposta che ci aspettavamo dai ragazzi. Una partita dove sono emersi giocatori come Di Ianni, che ha fatto una performance fantastica, e Roveda; ma in realtà devo dire che tutti i ragazzi hanno partecipato con il loro talento a questa bellissima vittoria. Per la trasferta a Siena mi aspetto impegno e determinazione, perché vincere sui campi della serie B è sempre complicato. Bisogna quindi presentarsi settimana prossima con il massimo dell’attenzione».

«Ci tenevamo ad interrompere perlomeno nelle prestazioni le ultime due sconfitte - gli ha fatto eco coach Daniele Quilici -, anche se con delle differenze, perchè con Varese abbiamo giocato male, mentre Vigevano è stata più brava di noi. Abbiamo trovato sicuramente una squadra non in salute che però fino a questa sera era prima in classifica e che ha una variabilità di soluzioni, di forza e di talento che ci é ancora superiore. Siamo riusciti a giocare una partita attenta e concreta. Abbiamo lavorato bene questa settimana nonostante qualche acciacchetto e si è visto. Siamo riusciti ad avere sempre le idee molto chiare, poi al di là dei canestri e degli errori che ci possono stare, il piano e le idee che avevano elaborato si sono concretizzate nella lucidità di tutti e 9 i giocatori chiamati in campo e questo é molto positivo. È vero che hanno giocato una grande partita Roveda e Rota, che Parlato é stato bravissimo ad aspettare pazientemente e con due giocate una in difesa ed una in attacco ha chiuso la partita. Molto bene hanno fatto anche Di Ianni come Cozzoli, ma l'aspetto più importante è la prestazione di squadra e ci voleva, perchè ora ci sarà Siena e poi la pausa. Siena sarà tutto tranne che una partita facile e arrivarci con due punti in più è molto meglio. Tatticamente abbiamo vinto dominando al rimbalzo 35 a 28 , contro una squadra più grande di noi e poi coinvolgendo tutti senza appiattirci su giocate individuali, trovando soluzioni da ogni giocatore».

LTC Sangiorgese Basket