Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"Misterioso" viaggio in Kuwait, Axpo pronto a un... gemellaggio

Un "gemellaggio" tra i Knights e il Kuwait. Anzi, un'alleanza che vede il coinvolgimento non solo di Axpo, ma anche di altre tre realtà sportive italiane: Rugby Parabiago, Capo d’Orlando Basket e Canottieri Varese.

È il progetto delineato durante il "misterioso" viaggio negli Emirati Arabi effettuato la scorsa settimana dal presidente Marco Tajana con il direttore generale Antonio Fagotti. Assieme a loro anche i rappresentanti delle tre società sportive coinvolte dall'iniziativa organizzata da MRComunicazione. Tre giorni di incontri con le istituzioni politiche, l’ambasciatore italiano e il ministro dello sport hanno messo le basi per prossime iniziative come preparazione di match e scambi interculturali tra l'Italia e il Kuwait. 

A svelare gli intenti del viaggio il dirigente biancorosso Fagotti: «Abbiamo partecipato ad un gruppo di lavoro organizzato dall'agenzia di pubbliche relazioni MRComunicazione. Durante questi tre giorni abbiamo incontrato personalità di spicco tra le quali l'ambasciatore italiano in Kuwait e il ministro dello Sport e delle Politiche Giovanili. Proprio loro sono rimasti interessanti e colpiti dal mondo Knights. Da qui è stato tracciato un percorso per creare una partership che inizialmente sarà di formazione. Quindi, potremmo partire con l'organizzazione di amichevoli di basket da tenere laggiù. E una volta che ci saremofatti conoscere andremo a implementare le relazioni per poter costruire una collaborazione più solida e costruttiva».

Entusiasta anche direttore Sportivo del Rugby Parabiago Roberto Bienati che in questi giorni ha commentato: «Saranno i prossimi mesi a definire una direzione più chiara e concreta. Ma è già tanta la soddisfazione per aver partecipato come delegato a un incontro internazionale in cui abbiamo portato il nostro contributo di esperienza e passione per lo sport. La strada tracciata è sicuramente stimolante».

(Gea Somazzi)