Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Polisportiva Varedo - Cerro Maggiore 55-49

POLISPORTIVA VAREDO-PALLACANESTRO CERRO MAGGIORE 55-49

POLISPORTIVA VAREDO: Malambri ne, Lanzani 7, Gorla 6, Galli A. 9, Salibra 0, Mladyenovic 2, Aledyou 2, Motta 2, Ruzzon 3, Galli F. 6, Pasinato 1, Novati 17. All. Rota

PALLACANESTRO CERRO MAGGIORE: Mariani ne., Ballarate 16, Rossi 3, Maniero 13, Puglisi, Gastoldi 3, Pastori 8, Persico 4, Morandi 2, Meraviglia ne. Turano ne. All. Botti


Prima la fuga, poi il black out. Così dopo sei vittorie consecutive la Pallacanestro Cerro Maggiore cade sul campo di Varedo, nel big match dell’ultima giornata del girone d’andata. 55-49 il finale, che vede così Cerro Maggiore venire raggiunta in vetta proprio dalla Polisportiva.

Boccone amaro, anche perché in una sfida da punteggi bassi i ragazzi di Mattia Botti sembrano prendere la strada giusta fin dalle battute iniziali. +11 all’intervallo lungo, costringendo soprattutto la Polisportiva Novate a soli 18 punti segnati in venti minuti. Una vera prova di forza difensiva da parte dei cerresi, che trovano in primis i canestri di Davide Maniero (13 punti, 7 nel solo primo quarto), poi la continuità di Matteo Ballarate, che segna i primi sei punti del secondo periodo (chiuderà a quota 16, miglior marcatore ospite) segnando l’allungo di Cerro Maggiore.

Strada segnata. Sì, ma dopo l’intervallo arriva un vero e proprio black out per Puglisi e compagni. Sia in fase difensiva (18 punti concessi ai padroni di casa nel terzo periodo, gli stessi segnati nei primi venti minuti), sia in attacco tanto che Cerro segna 12 punti nel terzo quarto e soltanto 8 nel periodo decisivo. Lorenzo Novati si prende Novate sulle spalle e i padroni di casa mettono la freccia operando il sorpasso. Cerro non ha più energie ed alza bandiera bianca. Aggancio in vetta, da domenica prossima si comincia con il girone di ritorno.

Paolo Andrea Zerbi