Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Sangiorgese, undicesima a livello regionale

Come ogni anno nei mesi di maggio e giugno l'Atletica Sangiorgese scende in pista con gli atleti di tutte le categorie nel tentativo di riuscire ad accedere alle classifiche nazionali dei Campionati Di Società (CDS), obiettivo non facile per una piccola società che conta solo sulle sue forze interne come è quella di San Giorgio. Per poter ambire ad un posto nelle classifiche nazionali infatti le società devono ottenere la copertura di un prefissato numero di gare durante le fasi regionali, inoltre ad ogni risultato del singolo atleta viene assegnato un punteggio che contribuisce alla classifica della rispettiva squadra.

Ed ecco che quindi nel weekend dell’11 e 12 maggio hanno gareggiato le cadette: Giorgia Canosi nei 3000m marcia si è guadagnata il terzo gradino del podio (19'53"11), Gaia Parotti ha gareggiato negli 80hs (18"99) e nei 300m piani (53"12), Giorgia Gusmini nel salto in alto (1.20m) e Margherita Spagnoli sui 1000 metri (3'22") e sui 2000 chiusi con un buon 7’17”78. Nei lanci poi Davide Luraghi scaglia il martello a 33,48m che vale per lui un personale di quasi sei metri, mentre Andrea Pastori ha raggiunto i 23,76 metri.

Ma oltre ai più giovani draghetti il weekend ha visto mettersi alla prova la squadra assoluta femminile nel totale delle sue forze. A Mariano Comense infatti sono ben 19 le atlete arancio blu che si sono messe in gioco per portare punti preziosi alla loro squadra.

        Neanche la grandine, i fulmini e il forte vento hanno fermato le draghette che con dimostrazione di grande determinazione e cuore portano a termine le loro gare alla grande. Così nella giornata di sabato Cecilia Di Meo e la maglia azzurra di prove multiple Federica Palumbo si schierano sui 100hs, Valentina Rogora si improvvisa triplista per coprire la gara per poi tornare sulla più conosciuta pedana dell’alto, assieme alla compagna Francesca Pighetti. Sui 100m il capitano Simona Giuffrè scende sotto i 13” portando punti importanti, subito dopo corrono anche Elisa Margozzini, Chiara Mellana e Anna Costacurta. Nei lanci la discobola Alessia Tinelli cambia temporaneamente attrezzo lanciando il martello con l’ottimo risultato di 32,13m, il peso vede in pedana la giavellottista Sara Jemai, che sotto il diluvio riesce comunque ad avvicinarsi ai 12m.

Nel giro di pista, i 400m, ancora Federica Palumbo al fianco di Francesca Bonardi, Marta Paleari e la nuova leva Martina Dellavedova che affronta con determinazione una gara non di certo facile.

L'interruzione temporanea dovuta al mal tempo non fa perdere d'animo le draghette che mantengono la concentrazione e a una temperatura praticamente invernale proseguono le loro gare con Martina Cimnaghi e Lucia Gatti nei 1500, mentre riesce l'impresa di Martina Pasquali che riesce a concludere i 3000 siepi. Per chiudere una ottima 4x100 corsa da Elisa Margozzini, Sara Venturelli, Anna Costacurta e Cecilia di Meo che riescono a gestire bene la gara diversamente da molte altre squadre avversarie squalificate per cambi fuori settore.

Domenica è il turno del giavellotto con Milena Dellavedova e Alice Rizzoli che copre anche la gara del salto in lungo. 800m poi per Francesca Bonardi, Lucia Gatti e Martina Dellavedova reduci dalla giornata precedente e sbattendo contro un muro di vento a tratti superiore ai 6m/s spingono ugualmente sul doppio giro avvicinandosi ai loro personali. Sui 200m ancora Simona Giuffré e, all'esordio sulla distanza, Anna Zampieri. Nei 5000m Martina Cimnaghi chiude addirittura con il tempo di 19'02"07, minimo per i Campionati Italiani categoria junior che si terranno a giugno a Rieti. Nel disco Alessia Tinelli supera i 39m.

A chiudere il weekend la staffetta 4x400 corsa da Anna Costacurta, Cecilia di Meo, Simona Giuffré e una instancabile Francesca Bonardi.

Distrutte e infreddolite alle ragazze non manca però il sorriso, elemento fondamentale senza il quale di sicuro non sarebbero riuscite nell'impresa di coprire 17 gare sulle 18 complessive conquistando proprio grazie a questo temporaneamente l'undicesimo posto in regione. 

Atletica Sangiorgese