Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Alla Cinque Mulini la Heritage Plaque IAAF

In occasione del galà di apertura dei Campionati mondiali IAAF / Mikkeller World Cross Country Aarhus, che si terranno questo pomeriggio, sabato 30 marzo, il presidente della IAAF Sebastian Coe ha insignito la Cinque Mulini della prestigiosa Heritage Plaque, targa mondiale dell'atletica leggera.

Coe, ha assegnato le targhe a sei manifestazioni il cui storico contributo all'atletica è stato riconosciuto nella categoria “competizione”, tre dei destinatari della placca sono gare storiche di cross country. La Cinque Mulini Cross Country Permit Meetings, corsa che si disputa a San Vittore Olona ininterrottamente dal 1933, è stata riconosciuta come una manifestazione emblematica che nel corso degli anni ha attirato molti dei migliori corridori di mezza e media distanza da tutto il mondo, tra cui proprio il presidente IAAF Sebastian Coe.

   Cinque Mulini accanto agli inglesi e agli americani Cross Country Championships, alla Maratona di Atene, alla Maratona di Boston e al Gran Premio Cantones de La Coruña.

E’ il riconoscimento più ambito che premia il lavoro di diverse generazioni di uomini e donne che ogni anno compiono il miracolo della Cinque Mulini” ha affermato con voce rotta dall’emozione il Presidente dell’Unione Sportiva Giuseppe Gallo Stampino.

“E’ un riconoscimento che fa onore a San Vittore Olona – commenta il sindaco, Marilena Vercesi – un premio ottenuto grazie alla storicità della manifestazione ma anche per la sua ottima organizzazione. La Cinque Mulini è un vanto della nostra comunità, un pezzo di storia grazie al lavoro degli organizzatori e dei tantissimi volontari che ogni anno permettono la perfetta riuscita della manifestazione che da oggi assume ancora più importanza, dando lustro alla nostra città. E’ come la storia di Davide e Golia: una piccola realtà come il nostro comune è nel gotha dell’atletica mondiale al pari di realtà come Boston o Atene, dei veri e propri giganti e questo non può che farci onore”.