Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Vittorie per i piccolo judoka Orizon al "Natale del Samurai"

I piccolo judoka dell'Orizon di Busto Garolfo emergono il Terzo Meeting giovanile di judo denominato "Natale del Samurai". Riuscita la competizione per bambini da 4 a 11 anni tenutasi domenica 16 dicembre al Palazzetto dello Sport di Segrate. 

La società sportiva Orizon a schierato 26 piccoli atleti, alcuni di loro molto piccoli e alla prima gara. Le categorie erano divise in Pulcini e Bambini per atleti della scuola d'infanzia e primo anno scuola primaria e Fanciulli e Ragazzi per atleti dal secondo al quinto anno della scuola primaria. La formula della gara prevedeva eliminazione diretta con doppio recupero (metodo olandese) ma lo scopo della gara era anche di permettere ai bambini di socializzare con bambini di altre palestre in maniera costruttiva, la finalità non è il risultato finale ma la capacità di cooperare e aiutarsi a vicenda. E sotto la guida tecnica degli insegnati Mario Sina e M.Lorena Cavenaghi, anche i risultati agonistici sono arrivati. 

«Il mese di dicembre è stato ricco di soddisfazioni - affermano i responsabili di Orizon di Busto Garolfo -  perchè oltre alla bellissima prova dei nostri piccoli atleti, Franco Virga ha conseguito il titolo di arbitro regionale di judo , mentre il direttore tecnico della società Massimo Gorla ha ottenuto il prestigioso grado di cintura nera 6°dan di judo».

Di seguito la classifica:
Primi: Omar Fakhir, Edoardo Bianchi, Luca Germani, Gaia Calabrese, Giorgia Ceriani, Francesco Aurilio, Francesco Gallo e Alex Truglio.
Secondi: Gioele Sartorelli, Nicolò Trapani, Riccardo Gallo. 
Terzi: Alessio Franzoni, Roberto  Aloise, Daniele Negrini, Samuele Ballarino, Matias Acosta, Tommaso Gionni, Marco Donato, Luigi Riva, Samuele Cavaleri, Rayan Fakhir, Hisira Munasinghage, Davide Sapone, Maria Cavaleri, Lucrezia Zanzottera, Luca Chiarella.