Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Al Palayamamay la gara internazionale di karate

Con il supporto e la collaborazione dell’Amministrazione comunale, prosegue il percorso intrapreso ad aprile (con il Convegno sulla Sicurezza e la Difesa Abitativa svoltosi ai Molini Marzoli)  dalla Polisportiva Bu Do Kan per la celebrazione 40 anni di insegnamento del karate a Busto Arsizio.

Per l'occasione  sono state programmate delle iniziative all'insegna dello Sport, della Formazione, dell'Arte e della Cultura .

Sabato 1 dicembre, dalle 13.45 alle 19, al Palayamamay, è in programma la gara nazionale di karate ‘50° coppa Shotokan di karate tradizionale", il prestigioso appuntamento di fine anno sportivo organizzato in collaborazione con l'istituto Shotokan Italia (Ente Morale).  La manifestazione ha avuto il Patrocinio dell’Assessorato Regionale Giovani e Sport, dall’Amministrazione Provinciale, dal Comune di Busto Arsizio, dal CONI Varese, dall’ACSI Varese, dell’USACLI,  dall’ASSB, dal Panathlon Club La Malpensa.

Domenica 2 dicembre, al Palaferrini e al centro San Luigi di Sacconago, ospiteremo lo Stage Nazionale di Karate organizzato in collaborazione con l'istituto Shotokan Italia che vedrà la partecipazione del Maestro Hiroshi Shirai, 10° Dan.

A seguire, alla sala delle feste del museo del tessile, dal 5 al 10 dicembre, sarà allestita una mostra di arte e calligrafia giapponese dell’artista Shuhei Matsuyama.

Per il mese di febbraio 2019, alla Sala Tramogge dei Molini Marzoli,  è in agenda un seminario  su "Educare attraverso lo sport" - Il karate tradizionale:  sincerità, rispetto, autocontrollo, carattere, costanza", che coinvolgerà le istituzioni educative e culturali del nostro territorio.

La Polisportiva  BU DO KAN, fin dalla sua Fondazione, ha sempre operato con uno sguardo particolare agli aspetti formativi, sociali e culturali dello sport ed in particolare dell’arte marziale: formazione al rispetto delle regole della civile convivenza di bambini, ragazzi e adulti; impatto sociale dello sport come momento di integrazione e prevenzione delle devianze; conoscenza della cultura e dell’arte giapponese , cuore pulsante dell’arte marziale; ed infine arte marziale come autodifesa e garanzia per una maggiore sicurezza e pacifica convivenza sociale.