Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Bilancio metropolitano: dai sindaci parere positivo

Si è riunita oggi la Conferenza metropolitana, l'assemblea dei sindaci metropolitani, che ha espresso il parere positivo, previsto dalla legge, necessario all'approvazione definitiva del bilancio della Città metropolitana, previsto per domani 15 dicembre da parte del Consiglio.

Erano presenti 82 sindaci e rappresentanti dei comuni, su un totale di 134, segnale questo molto significativo dell'importanza che il territorio assegna alla Città metropolitana e ai compiti che essa è chiamata a svolgere. I sindaci intervenuti nel corso del dibattito hanno tutti concordato sull'importanza del ruolo che la Città metropolitana deve assumere (per le strade, le scuole, il trasporto pubblico) e sulla necessità che ad essa vengano assegnate funzioni e risorse certe e definite.

Grande soddisfazione è stata espressa dalla vicesindaca Arianna Censi, che ha poi aggiunto: «La straordinaria partecipazione di sindaci e rappresentanti dei comuni metropolitani non può che farmi piacere e rappresenta per noi un ulteriore sprono a fare della Città metropolitana un ente sempre più efficiente e al servizio dei cittadini e del nostro territorio».

Lo schema di bilancio è stato illustrato dal consigliere delegato Franco D' Alfonso, che ha parlato del raggiungimento dell'equilibrio nonostante difficoltà enormi, aggiungendo: «Questo risultato di equilibrio è importante perché ci permette di affrontare i progetti futuri senza incorrere in ulteriori ostacoli e penalizzazioni. I dati che emergono dal bilancio 2016 dimostrano che la macchina dell'Ente, seppur con tutte le criticità che si è trovata ad affrontare, non presenta particolari inefficienze. Si conferma però la mancanza di....benzina per far camminare la macchina stessa: il trasferimento allo Stato di oltre 200 milioni su poco men di 500 di entrate come “contributo alla finanza dello Stato” costituisce un caso unico al mondo di federalismo inverso che blocca qualsiasi sviluppo futuro».