Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.



La Nervianese torna in Serie A

  • domenica 27 novembre 2016
  • 659 Letture

Nervianese torna in Serie A e vince il campionato di B Nazionale 2016

Non c'entra il destino e nemmeno la fortuna, anche se noi, scaramantici di natura abbiamo aspettato fino all'ultimo a cantare vittoria: la promozione era già nell'aria ma volevamo entrare dalla porta principale.

A Forli, sabato 26 novembre, le nostre ragazze ci hanno messo anima e cuore per realizzare il loro sogno e già dalla piccola Matilde Gilardi, prima a scendere in pedana con l'esercizio a corpo libero, le intenzioni erano ben chiare. Decisa ed elegante, la sua performance così coinvolgente ha guadagnato 13,950. La fune di Gilda De Vecchis non è stata da meno: una performance di carattere e piena di ritmo che Gilda ha interpretato egregiamente, per lei un bel 13,750, punteggio tra i più alti in questo attrezzo. Dopo di lei Chiara Ferri al cerchio che, con un eleganza davvero esemplare, ha concluso una prova ricca di difficoltà e maestrine grazie alla quale ha strappato alla giuria il punteggio di 15,100, il più alto di tutta la gara.

Alla palla la nostra Anita Tonellotto ha interpretato con coinvolgimento ed esperienza la magnifica colonna sonora di Adele e ha superato la soglia del 14 guadagnando un ottimo 14,100. Alle clavette ha bissato la presenza in pedana Chiara Ferri che non raggiunge lo strepitoso punteggio del cerchio ma ci va quasi vicina con un ottimo 14,950: il suo esercizio, sempre ricco e difficile ha portato allegria in ogni angolo del palazzetto con la sua musica gioiosa e coinvolgente. È solo però con il nastro di Nicole Piredda la squadra ha realizzato finalmente di avercela fatta: un ottimo esercizio, fluido e appassionante che ha fatto comparire nelle compagne il sorriso della vittoria. Il totale di squadra di 85,850 ha fatto volare le nostre ragazze sul gradino più alto del podio mantenendo salda ancora una volta la prima posizione generale che è' stata della società di Nerviano per l'intero campionato.

A guidare le ragazze il team della Responsabile Tecnica Letizia Barzacca che in campo gara vedeva impegnate Valentina Armida, Laura Buzzetti e la coreografa Olga Kourbatova e le riserve immancabile punto d'appoggio pronte ad entrare in qualsiasi momento Camilla Ponti e Lucia Giusti. A sostenere la squadra sugli spalti invece il presidente Barzacca in primis e un bel gruppetto di sostenitori che hanno accompagnato le atlete con un caloroso tifo. «Una promozione davvero importante questa - commenta a caldo Letizia -, perché questa retrocessione lampo in serie B ha fatto maturare e crescere le nostre ginnaste che con il cambio generazionale arrivavano da 2 anni deludenti e sfortunati , ora hanno riconquistato con le loro forze la Serie A e questo sarà sicuramente il mordente per affrontare nel 2017 la massima serie con più determinazione perché stavolta è' il loro campionato!» Ancora una volta la Nervianese si è' rimessa in gioco con nuove e promettenti ginnaste quasi tutte cresciute a Nerviano e questo è il vero successo la continuità.

La festa è iniziata fin da subito quando le nostre eroine, concluse le premiazioni ufficiali con tanto di inno nazionale e lacrime di gioia, hanno svelato a tutti il loro segreto: le mezzepunte ai piedi ce le avevano Superman, Batman, Capitan America, Wonder Woman, Flash, Ironman e Spiderman?! Ma no! Le uniche ed invincibili (ora possiamo proprio dirlo!) rimangono solo loro, le nostre ragazze... quelle che lavorano sodo in palestra e che mettono il cuore in tutto quello che fanno, quelle che incassano le sconfitte e ci mettono l'anima per cercare il riscatto. Quelle che insieme alle loro allenatrici credono in quello che fanno e si allenano per trasformare i sogni in realtà. Preparate altri sogni da realizzare quindi, a questo ci siete arrivate: siamo ancora in Serie A!

Ritmica Nervianese