Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Carapelli: Cucchi esprime solidarietà ai lavoratori

Sui licenziamenti della Carapelli di Inveruno interviene anche il consigliere metropolitano Raffaele Cucchi. Di seguito la sua dichiarazione.


Innanzitutto esprimo la mia solidarietà a tutti i lavoratori della Carapelli che stanno vivendo questo momento di incertezza. E’ davvero inaccettabile assistere in continuazione a gruppi multinazionali che prima acquistano aziende italiane di eccellenza e poi utilizzano il Made in Italy spostando la produzione fuori dall’Italia provocando un danno non solo all’economia del nostro Paese, ma anche e soprattutto ai nostri concittadini che si trovano senza un’occupazione dall’oggi al domani. Non è certo il primo caso di delocalizzazione o di chiusura aziendale per l’Alto Milanese e lo sappiamo bene, è un dato che non possiamo ignorare. Sicuramente stiamo vivendo un periodo di forte cambiamento in cui l’era industriale si può dire conclusa, ma è pur vero che il nostro territorio (e l’Italia in generale) sta perdendo la sua capacità di attrarre grandi investitori. Colpevole è sicuramente una politica economica del Governo a favore delle Banche e sempre più sorda alle esigenze del mercato del lavoro che richiede alleggerimento fiscale. I piani industriali per far fronte all’emergenza come nel caso della Carapelli vanno bene, ma poi occorre essere lungimiranti e attuare delle vere e proprie riforme in tema fiscale che prevedano minori costi per il lavoro e meno burocrazia. Da consigliere della Città Metropolitana mi impegno a portare il caso Carapelli all’attenzione della maggioranza e dei consiglieri delegati al Lavoro e allo Sviluppo Economico, non perché ho la speranza che possano risolvere la situazione, ma perché incalzino Renzi nel prendere seri provvedimenti per la nostra economia dimostrando determinazione e manifestando la sofferenza del nostro territorio.