Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Quando anche gli elefanti volano...

Dopo le spiegazioni fornite dall'assessore al bilancio e vice sindaco Pier Antonio Luminari ai lettori che avevano sollevato critiche in tema di tasse e tributi (qui il servizio), ecco oggi un intervento della consigliera comunale Daniela Colombo (NCD), poco convinta di certe affermazioni che stanno animando questo filodiretto tra Comune e cittadinanza.


Apprezzo la buona volontá dell'assessore Luminari e la pervicacia che ci mette nel continuare a spiegare la bontá delle scelte operate dall'amministrazione che rappresenta, ma mi fa tenerezza perché sembra uno che sta nelle sabbie mobili e piú si affanna per uscirne dando spiegazioni, piú ci si impantana. 
Purtroppo i dati di fatto gli danno torto e se i cittadini si lamentano non é che lo fanno per sport o perché non sono mai contenti e si divertono a rompere le scatole a chi li governa, ma perché quando devono mettere mano al portafoglio, non in senso figurato ma reale, si accorgono di come stanno realmente le cose.
Mi limito ad esaminare le prime quattro "giustificazioni", perché almeno di quelle abbiamo potuto tutti prendere visione. Le altre basate su critiche arrivate via mail al Comune preferirei tralasciarle perché mi sembrano un po' come quelle risposte date a certe interviste dove sei tu che scegli anche le domande per spostare l'attenzione su quel che vuoi tu e non su quello che veramente chi ti intervista vorrebbe sapere....insomma "te la canti e te le la suoni"....
Non mi voglio dilungare perché potrei anch'io fare "il punto per punto", ma sarebbe di una noia mortale per chi legge. Mi voglio solo limitare a un paio di considerazioni da casalinga di Voghera, di una che dovendo far quadrare il bilancio famigliare i conti li fa con carta e penna, partendo da quanto entra effettivamente in casa. 
Caro assessore Luminari, lei per giustificare il suo discorso considera dei redditi familiari di 35.000€ nel caso 1 e di 45.000€ nei casi 2 e 3. Ovviamente parliamo di lordo imponibile. Quindi nella cassa della povera casalinga non entra quella cifra, ma quella netta, giá "ripulita" dalle varie imposte e addizionali statali, regionali e comunali. A occhio e croce si parla di circa 26.000€ (caso1) e 34.000€ (casi 2 e 3). Questi soldi servono per: affitto/mutuo, spese condominiali, vitto e vestiario,spese auto (...che molto spesso non é un lusso ma serve per andare a lavorare, scarrozzare i figli e i genitori anziani.....perché mi ci vede lei con mia madre ottantunenne sul portapacchi della bicicletta?), ticket sanitari e spese farmaceutiche (giustamente, per non avere il "buco di bilancio" come in molte altre regioni, in Lombardia la sanitá si paga). Non inserisco volutamente gli extra perché quelli andrebbero alla voce "voluttuarie" e non "necessarie per campare". Ora, se si é in due con due redditi, se stai un po' attento con le spese e sei morigerato con le vacanze c'è la puoi fare. Se hai figli a carico oltre alle voci precedenti, ovviamente da maggiorare - é risaputo che i figli, pur non producendo reddito, vanno sfamati, vestiti e curati - devi aggiungere: libri, mensa scolastica, pre o post scuola, baby sitter (sí, perché anche nel caso fortunato in cui si possa usufruire di un posto al nido o alla scuola materna, quando sono malati i bimbi li devi tenere a casa e, dal momento che oltre ai genitori, spesso anche i nonni lavorano ancora grazie alla Fornero, qualcuno ci deve badare); aggiungerei anche qualche sport, qualche lezione per imparare uno strumento musicale e qualche ripetizione se il figlio ha qualche difficoltá a scuola, ma a questo punto si sconfinerebbe nel "voluttuario" (anche se ai figli, "pezz' 'e core", non é che si possa sempre negare tutto....). Beh.....lascio alle persone di buon senso che leggono le conclusioni e il tirare le somme, nel senso concreto dell'espressione.

Noi pensiamo che le famiglie vadano sostenute costruendo una rete di servizi e di prestazioni che le sostengano nei momenti di difficoltà, le aiutino a fronteggiare le situazioni di fragilità, le alleggeriscano nel lavoro di cura dei componenti anziani e non autosufficienti, le facilitino nella conciliazione tra tempi di lavoro e tempi di vita.  

Lo riconosce? É scritto a pag 23 del programma elettorale del sindaco Centinaio e della coalizione di cui lei fa parte. 
Ma come, fate affermazioni cosí roboanti, avete pensieri cosí nobili e poi nella concretezza del vostro amministrare quotidiano le famiglie le massacrate?! Sono le famose "balle elettorali", promesse da marinaio di cui la gente si fida in campagna elettorale e che poi finiscono nel dimenticatoio perché le prioritá sono sempre altre? 
Le famiglie, assessore Luminari, vanno difese nella concretezza e non coi proclami. E questo non lo dico solo a lei e alla sua parte, ma lo ricordo a tutti i politici, compresa me e la parte che rappresento.
Lei e la sua amministrazione, con l'uso delle detrazioni che le normativa sulla IUC (TASI, TARI e IMU) ha messo a disposizione dei comuni, avete fatto la vostra scelta, una scelta politica precisa - che lei ha anche piú volte confermato - cioé quella di non considerare assolutamente chi, nonostante tutte le condizioni avverse che questo nostro mondo moderno divenuto cosí assurdo e irragionevole, é cosí eroico da mettere al mondo dei figli in un paese con un tasso di natalitá tra i piú bassi del mondo (chissà come mai...?). Lo si vede anche dagli "esempi accademici" che lei continua a fare: il risparmio decresce con l'aumento dei figli, é un dato di fatto.
Ed é di questa scelta e di questa impostazione che bisogna prendere atto, perché non é che dicendo che quest'anno é cosí e il prossimo anno si vedrá le famiglie - quelle con figli, perché le altre che di figli non ne hanno si chiamano "coppie"-, che costituiscono il primo e piú proficuo ammortizzatore sociale, stanno piú tranquille...
Spero che lei sia veramente convinto di quel che dice e che le sue affermazioni siano  almeno in buona fede. Mi auguro che non lo faccia con la speranza e la convinzione di chi crede che il continuare a dire che tutto va bene anche quando non é cosí, possa in qualche modo cambiare il corso delle cose. Non é che dicendo continuamente che gli elefanti volano i simpatici pachidermi si mettano veramente a volare, ma soprattutto non é detto che la gente li debba per forza vedere mentre si librano nell'aria ......e che sia anche obbligata a farlo....
Dedicato ai legnanesi. "Se davanti a te vedi tutto grigio, sposta l'elefante" (proverbio indiano).

Daniela Colombo
Consigliere comunale NCD - Legnano