Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

La vigna di Leonardo: apertura straordinaria per expo

Un’apertura straordinaria, in occasione di Expo 2015, fino al 31 ottobre 2015 a Milano. La Vigna di Leonardo da Vinci, ripiantata a distanza di oltre 600 anni e tornata al suo antico splendore sarà aperta ai visitatori. Proprio a due passi dal Cenacolo, custodito nella Basilica di Santa Maria delle Grazie, sarà possibile visitare la rinata vigna, quella che Ludovico Sforza, duca di Milano, donò a Leonardo nel 1498, come segno di riconoscenza per la realizzazione dell'Ultima Cena.

Un regalo grazie al quale l’artista avrebbe potuto ottenere la tanto agognata cittadinanza milanese, in quanto proprietario di un terreno di circa 8.300 metri quadri in pieno centro città. Il sogno non si avverò perché, pochi mesi dopo, Ludovico Sforza decadde. Ma il vigneto continuò a rivestire un profondo valore affettivo per Leonardo e giunse integro fino agli anni ’20, per poi essere distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale, nel 1943.

Alcune piante vennero però salvate da Piero Portaluppi, l’architetto che restaurò la Casa degli Atellani, una famiglia di cortigiani degli Sforza. Proprio nel cortile di questo splendido palazzo, è stata ripiantata la vigna di Leonardo, nella sua collocazione originaria, con l’ausilio dell'Università di Scienze Agrarie di Milano, della Confagricoltura e della Fondazione Portaluppi.

Per l’intero periodo di Expo, fino al 31 ottobre, oltre al vigneto, sarà possibile visitare anche il palazzo degli Atellani, un’autentica casa-museo.