Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.



Il mondo del Palio festeggia Silvano Mulas

  • LEGNANO
  • domenica 27 novembre 2016
  • 2437 Letture

Nel video brevi momenti della serata e il commento di Silvano Mulas (Filmato di Alessandro Canavese)


Serata in onore di Silvano Mulas, fantino tornato alle corse "regolari" e che ha lasciato nel mondo del Palio un ricordo indelebile, ricco sì di vittorie ma soprattutto di amicizie e una profonda umanità.

Ieri sera, al Cascinone, un po' tutti i palii più importanti d'Italia si sono "inchinati" davanti al fantino astigiano, apparso emozionato come il giorno del suo debutto su un cavallo senza... sella. Organizzata dalla contrada La Flora, la serata ha visto la presenza delle contrade senesi dell'Istrice, la prima a portarlo in Piazza del Campo per una prova nel 2009, e della Selva, con cui ha vinto il palio di Provenzano del 2010, quindi la partecipazione della contrada Bernarda di Fucecchio, successo nel 2008, e della contrada Voltaia di Piancastagnaio con la cui casacca ha vinto nel 2012 e 2014. 

Il Palio di Legnano è stato rappresentato non solo dalla Flora, ma anche dal gran maestro Alberto Oldrini e dalle contrade Legnarello, Sant'Ambrogio e San Bernardino. Tra gli ospiti Renato Gigliotti, allevatore seggianese di cavalli sempre vicino alla contrada rossoblu.

Con il gran priore Donata Colombo e la castellana Anna Bonito, l'attuale capitano Cristiano Poretti ha gestito l'incontro insieme a Davide Bartesaghi, capitano che ha montato Mulas nel 2009, vincendo il primo palio legnanese sulla pista in sabbia, e Mauro Nebuloni, all'epoca addetto corsa.

In apertura della festa, con oltre 150 contradaioli, presentazione ufficiale del fantino che correrà per La Flora nel 2017: Carlo Sanna, già vincitore della Provaccia nel 2014 con S.Erasmo e portacolori di S. Bernardino negli ultimi due anni.

(Marco Tajè)