Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.



"Se i profughi non si accontentano vanno rimandati a casa loro"

  • LEGNANO
  • mercoledì 10 giugno 2015
  • 1285 Letture

Riceviamo e pubblichiamo


I 'profughi' in tutta Italia si lamentano o per il cibo come a Bresso o come in Sardegna perché  non vogliono andare in campagna. Se fossero 'profughi' ovvero povera gente in cerca di una vita migliore non protesterebbero; invece lo fanno e vogliono comandare con le loro pretese, coccolati dalla sinistra italiana. Ci sono poi italiani costretti ad arrangiarsi per mangiare, mentre i 'profughi' hanno ogni privilegio. Dopo le recenti proteste è ora di dire BASTA non gli vanno bene il cibo o gli alloggi? Rimandiamoli a casa loro e senza possibilità  di rientrare in Italia. Il mio non è  razzismo, ma ciò  che avviene lo vedono tutti. Aiutiamo gli italiani in difficoltà, che se gli si da una ciotola di riso freddo la mangiano e non la rifiutano.

Andrea  Bernasconi  Federale  di Milano e provincia  MSFT  'Ettore Muti'